L'America prima di Colombo

Appunto inviato da nba
/5

Relazione sull'America prima di Colombo.(formato txt) (0 pagine formato txt)

L'America prima di Colombo Agli inizi del secolo XVI, quando gli spagnoli invadono il Messico, gli Aztechi regnano su un impero potente, con sbocchi su due oceani, che controlla le vie dell'America Centrale.
Questo impero in piena crescita era però molto giovane; la dinastia al potere regnava da soli 150 anni, mentre invece la storia delle civiltà autoctone della Mesoamerica risaliva a parecchi millenni.Verso il 1500 a.C., in diverse località del Messico sorgono villaggi di agricoltori sedentari, esperti nella coltivazione del mais e nella lavorazione della ceramica: modellano delle figurine femminili che costituiscono le prime figurazioni del pantheon indigeno. La popolazione è già numerosa eterogenea, differenziata.
In questo contesto emergono gli Olmechi, i quali provenienti dai bassipiani tropicali costieri del golfo del Messico, estendono progressivamente la propria influenza sull'altopiano centrale e sulla costa pacifica sino all'attuale Costa Rica. Praticano e diffondono una religione incentrata sul culto del giaguaro. È agli olmechi che risalgono i primi centri di culto della Mesoamerica, la prima scultura monumentale, le prime giade cesellate e le prime tracce di scultura.Verso il 300 a.C. gli Olmechi, improvvisamente come erano apparsi, scompaiono. Si sviluppa allora una serie si culture regionali, tra le quali si distinguono quelle occidentali (Colima, Jalisco, Nayarit) e quelle del bacino del Messico (sito di Cuicuilco). Bisogna attendere circa sei secoli per veder sorgere due nuovi centri di civiltà, Teotihuacan e i Maya. Se in senso stretto, non è mai esistito un vero e proprio "impero di Teotihuacan", la grande metropoli dell'altopiano centrale ha comunque esercitato la propria influenza su una zona vastissima, che si estendeva dal Nayarit al Guatemala, passando attraverso Monte Albn. Teotihuacan ha così diffuso alcuni tratti culturali - come la piramide a gradini o il culto del Dio della pioggia - che hanno rappresentato altrettanti fattori di omegeneizzazione della Mesoamerica. Nella stessa epoca, l'altro centro di potere si trova in terra maya (vedi approfondimento). Nel corso del non secolo, il Messico settentrionale conosce migrazioni di notevole entità. Tribù di cacciatori nomadi, venute dal nord e di lingua nahuatl, invadono, l'Altipiano centrale e ne assumono rapidamente il controllo. Tra i primi ad imporsi, vi sono i Toltechi.Gli aztechi saranno gli ultimi Nahua a giungere nella valle dell'altopiano del Messico, al termine di una lunga migrazione. La politica di espansione di Montezuma troverà sul cammino un unico ostacolo: i Taraschi di Michoacan, che ostacoleranno in modo definitivo la marcia degli Aztechi verso ovest.La cronologia del Perù prima della conquista spagnola è parallela a quella del Messico precolombiano. Verso il 1500 a.C. compaiono i primi agglomerati di agricoltori sedentari e le prime costruzioni monumentali con funzione religiosa. L'alba del primo millennio vede poi il sorgere della civiltà madre del mo