La Belle Epoque, tra ottimismo e venti di guerra

Appunto inviato da lindacummings
/5

Appunti su "i grandi mutamenti dell’economia mondiale tra 800 e 900" e "Imperialismo: caratteristiche generali ed espansione in africa" (1 pagine formato doc)

I grandi mutamenti dell’economia mondiale tra 800 e 900.
Grazie all’espandersi dell’industrialismo anche l’economia EU si espanse e divenne un modello per il mondo intero.
I commerci si estesero in ogni direzione.
Ma il progresso portò anche squilibri aumentando la distanza tra paesi arretrati e industrializzati. Inoltre il sistema economico stesso presentava squilibri come la Crisi di Sovrapproduzione, che causò la caduta dei prezzi, e la Grande Depressione (causata da: difficoltà produttive, crisi agraria, domanda ancora troppo lenta rispetto all’offerta), che però non toccò tutti i paesi allo stesso modo.
Infatti GE e GB divennero i nuovi paesi guida e cominciarono a sperimentare fusioni e accordi tra imprese diverse.

TRUST, concentrazioni di imprese, potevano coinvolger e imprese dello stesso settore (Trust orizzontali), o potevano essere più imprese cointeressate operanti sotto un’unica direzione (Trust verticali).
CARTELLI, unioni di imprese che stringevano accordi commerciali su prezzi e quote di mercato.
HOLDING, società che controllavano capitali di diverse aziende.
Si formò inoltre un numero ristretto di giganti in competizione tra loro dando vita a un OLIGOPOLIO. Nacquero poi i grandi magazzini e le Corporation.
Si crearono due elementi che contribuirono a coordinare le fasi del ciclo produttivo: l’organizzazione scientifica del lavoro e la catena di montaggio.
Taylor contribuì analizzando e componendo io gesti dell’operaio sino al movimento singolo per rendere prestazioni uniformi e qualitativamente/quantitativamente migliori. Ford lo perfezionò aggiungendo la catena di montaggio e azzerando quindi gli spostamenti fisici del lavoratore. Si assiste a un gran numero di innovazioni quindi, come l’industria chimica e quella meccanica, oppure l’energia elettrica, il telefono il cinema e la radio.