Il biennio rosso: riassunto

Appunto inviato da zemelxd
/5

Riassunto sul biennio rosso in Europa: la ricerca di nuovi assetti e la crisi economica negli stati democratici (2 pagine formato doc)

BIENNIO ROSSO: RIASSUNTO

Cap.

5: Rivoluzione e controrivoluzione: il biennio rosso.
1.la crisi europea: alla ricerca di nuovi assetti
conseguenze prima guerra mondiale: crisi del sistema coloniale
spostamento del centro del mondo fuori dall'europa
crisi economica/politica/sociale
riconversione produttiva
1° fattore di crisi: riconvertire velocemente gli apparati produttivi che nella guerra erano stati modificati x produrre materiale bellico. Alcune fabbriche ci riescono con difficoltà, ma molte falliscono.
Il problema indebolisce le strutture economiche delle nazioni belligeranti, soprattutto quelle sconfitte. La crisi dura + del previsto, fino al 1922 c'è un periodo negativo, poi verso il 1925-26 periodo positivo che consente la stabilizzazione interna in termini economici e sociali delle nazioni europee.

Tesina sul biennio rosso in Europa


BIENNIO ROSSO: RIASSUNTO ITALIA

Problemi connessi alla riconversione: capitali sempre più scarsi e costosi
debiti di guerra, in particolare con gli USA
innalzamento delle tariffe doganali x proteggere i mercati interni
inflazione x l'aumento della cartamoneta stampata durante la guerra
indebitamento e ristagno produttivo
dipendenza economica dell'europa
mentre nell'800 le potenze europee avevano occupato il resto del mondo x prendere prendere materie prime e esportare prodotti, ora dipendono dall'estero. Francia e GB= perdono 30% della ricchezza. Germania e Russia perdono ancora di +. USA= perdono solo il 10% quindi diventano potenza egemone in grado di finanziare la ripresa europea. USA sviluppano settori strategici, x crescere economicamente: produzione di acciaio raddoppia, flotta mercantile si espande. Inoltre possiedono quasi la metà delle riserve mondiali di oro, quindi riscattano in massa i titoli americani in possesso di capitali stranieri, e prestano + di 10 miliardi di dollari agli stati europei, diventando grandi esportatori di capitali.
Nel frattempo cresce il sudafrica, e gli USA ci investono, potenziando industria tessile e metallurgica, così da non dipendere + dall'europa (GB), e aumentando esportazioni di grano, carne, zucchero.
Giappone= durante la guerra diventa fornitore di prodotti industriali a Cina, India, Indocina.
Nuovi  modelli  economici  x uscire dalla crisi.

Biennio rosso in Europa: riassunto


BIENNIO ROSSO: RIASSUNTO DETTAGLIATO

La crisi economica porta a scioperi e sommosse di operai, contadini, borghesi, x avere meno inflazione e una + equa distribuzione delle ricchezze. In alcuni casi ciò porta a una rottura rivoluzionaria dell'ordine esistente. Lo stato in risposta rafforza la sua centralità, regola e promuove le attività economiche e sociali, attraverso la politica monetaria, spesa pubblica, potenziando la domanda interna, controllando il conflitto sociale.
Corporativismo=  teoria sostenuta soprattutto dai movimenti di destra e dai partiti fascisti in germania e italia, ma anche dai democratici, che sostiene che l'iniziativa privata, il libero mercato e i conflitti fra le classi siano negativi per la società. Essi devono essere regolati dallo stato, che finalizza la vita economica e sociale all'interesso collettivo. Quindi, ogni branca produttiva deve essere organizzata in istituzioni statali,  allo scopo di eliminare la concorrenza fra le aziende e controllare il conflitto fra capitale e lavoro.