Dalla caduta dell'Impero romano d'occidente agli arabi

Appunto inviato da kuky
/5

Riassunto dettagliato dei principali eventi storici dell'Alto Medioevo, dalla caduta dell'Impero romano d'Occidente all'espansione islamica (22 pagine formato doc)

IMPERO ROMANO D'OCCIDENTE CADUTA

La caduta dell'Impero d'Occidente.

Per motivi di sicurezza la capitale dell’impero d’occidente fu trasferita da Milano a Ravenna perché era la città più lontana dai confini. Malgrado questo spostamento l’Italia subì molte invasioni da parte di Visigoti, Ostrogoti, Vandali e Unni. Roma fu invasa e saccheggiata 2 volte: dai Visigoti nel 410 e dai Vandali nel 455.
L’ultimo imperatore d’occidente fu un ragazzino di 13 anni ROMOLO AUGUSTOLO .
Odoacre, il capo di un gruppo di barbari mercenari che appartenevano all’esercito, lo cacciò dal trono nel 476 e si fece proclamare “Re delle genti” cioè re delle popolazioni barbariche in Italia. A questo avvenimento si fa risalire la caduta dell’impero romano d’occidente. La caduta dell’impero non fece scalpore in quanto effettivamente l’impero era nelle mani dei vandali da molto tempo quindi nulla cambiava. Con la caduta dell’impero romano d’occidente finisce l’età antica ed inizia un periodo lungo circa 1000 anni chiamato Medioevo in quanto è l’età di mezzo tra l’Antichità e l’Età moderna. Gli storici dividono il medioevo in 2 periodi: Alto medioevo (prima del 1000) e Basso medioevo (dopo il 1000 fino al 1492 anno in cui fu scoperta l’America). Nel 5°secolo,gli ex territori dell’impero d’occidente furono occupati da popoli germanici. Nacquero così nuovi regni detti: Romano Barbarici perché in essi c’erano 2 popolazioni e 2 culture,quella romana e quella germanica. In Africa si formò il Regno dei Vandali, nella penisola iberica quello dei Visigoti ,in Gallia (l’attuale Francia) andarono i Franchi ,in Italia gli Ostrogoti,e d in Inghilterra sbarcarono gli Angli ed i Sassoni battendo le locali popolazioni celtiche che dovettero andare in Scozia ed Irlanda.

La fine dell'Impero romano d'Occidente: riassunto

IMPERO ROMANO D'ORIENTE

Impero romano d'Occidente o Impero Bizantino.L’Impero romano d’oriente o impero bizantino aveva resistito alle invasioni barbariche del 5° secolo e si manteneva solido ed intatto. Aveva un esercito forte ed un buon commercio. La sua capitale, Costantinopoli, era la più grande e ricca città del mondo cristiano. I Bizantini si consideravano gli unici continuatori della civiltà romana. Nel 6° secolo l’imperatore Giustiniano comandava sia lo Stato che la Chiesa ritenendosi il capo di tutte e due. Giustiniano pensò allora di ricostruire l’unità dell’antico impero ed i suoi generali riconquistarono in occidente dei territori che avevano perso: l’Africa, Italia e parte della Spagna. L’opera più importante di Giustiniano fu nel settore del diritto cioè delle leggi. Le leggi romane erano aumentate nel tempo senza che le vecchie leggi venissero cancellate, così Giustiniano fece raccogliere tutte le leggi emanate da Roma dal 2°secolo e le interpretazioni che gli esperti di diritto ne avevano dato. Le leggi vecchie o contraddittorie furono eliminate. Questa raccolta fu chiamata il codice di Giustiniano ed è stato la base del diritto per molti paesi.

Impero romano d'Occidente e la sua caduta: riassunto

IMPERO ROMANO CADUTA

Dopo la morte di Giustiniano l’impero bizantino fu assalito dai germanici, slavi e arabi e perse molte terre. I bizantini parlavano il greco, una lingua che l’Europa occidentale aveva scordato. In campo religioso ci furono vari contrasti. Alcuni imperatori e vescovi d’oriente non volevano riconoscere al Papa di Roma un’autorità superiore alla loro così nel 1054 la comunità cristiana d’oriente si staccò dalla chiesa cattolica di Roma e prese il nome di Chiesa ortodossa. Questa separazione delle due chiese è detto scisma d’oriente e dura tutt’oggi.
Costantinopoli, la "nuova Roma". Costantinopoli, la capitale voluta da Costantino, aveva nel 6°secolo quasi 1 milione di abitanti. Grazie a Giustiniano si arricchì di Chiese, palazzi, mercati, terme, diventando la “nuova Roma” .Il centro spirituale della città era la Chiesa di Santa Sofia che Giustiniano aveva fatto ricostruire dopo un incendio.

Le invasioni barbariche e l'inzio del medioevo: riassunto

L'IMPERO ROMANO RIASSUNTO

I più famosi architetti la costruirono in mattoni con una tecnica quasi dimenticata in occidente, la decorarono con marmi preziosi, mosaici, lastre d’oro e d’argento. Sulla cupola e lungo le pareti c’erano molte finestre per illuminarne l’interno. Accanto al palazzo reale c’era l’ ippodromo che era grande e frequentato. Costantinopoli era anche un centro di produzione della seta. La seta era simbolo di ricchezza e potere e per molto tempo era stata importata dall’oriente a caro prezzo ma nel 6°secolo due monaci portarono dalla Cina a Costantinopoli le uova del baco da seta nascoste nei loro bastoni così i bizantini cominciarono a produrla.

L'espansione islamica in Europa tra Medioevo e prima età moderna