Caduta del Sacro romano Impero a Federico Barbarossa: riassunto

Appunto inviato da kuky
/5

Riassunto dei principali eventi storici avvenuti tra il IX e XII secolo: dalla caduta del Sacro romano Impero a Federico Barbarossa (16 pagine formato doc)

CADUTA SACRO ROMANO IMPERO

Il Sacro romano impero si frantuma.

Il sacro romano impero fondato da Carlo Magno non durò a lungo, dopo la sua morte nell’814 i suoi nipoti cominciarono a combattere tra loro per l’eredità e nell’ 843 con il trattato di Verdun divisero l’Impero in tre.
Queste lotte indebolirono il potere degli imperatori e aumentarono quello dei feudatari (cioè i vassalli che avevano ricevuto un feudo) che ne approfittarono per impadronirsi dei feudi.
Mentre con Carlo Magno i feudi alla morte del feudatario ritornavano di proprietà dell’imperatore, nell’877 i grandi feudatari, e poi anche i piccoli feudatari,  ottennero il diritto di tenersi  i feudi e di lasciarli in eredità ai figli.
Ogni feudo si trasformò così in un piccolo regno dove il signore imponeva le sue leggi, riscuoteva i tributi e faceva da giudice fra gli abitanti.
Come i re i feudatari (vassalli) potevano avere dei vassalli (i valvassori) e questi a loro volta potevano averne altri (i valvassini). Ognuno doveva obbedire al suo diretto superiore e a nessun’altro, neppure al re che diminuiva sempre di più d’importanza.

SACRO ROMANO IMPERO CAROLINGIO

Il Potere dei signori feudali fu rafforzato ancora di più con l’arrivo di nuovi invasori (saraceni, ungari ecc) che terrorizzavano la popolazione.
Poiché i re non riuscivano a proteggere le popolazioni lo fecero i signori costruendo centinaia di castelli fortificati e armati.
I castelli divennero l’abitazione dei signori, ma all’interno delle loro mura potevano trovare rifugio (pagando)  anche i contadini indifesi quando erano in pericolo.
Il feudalesimo.

In quest’epoca ogni uomo era sottomesso ad un altro più potente di lui o perchè era suo vassallo o perché lavorava nelle sue terre.
Questo sistema di dipendenza basato sul feudo o sul vassallaggio fu chiamato feudalesimo.
Il sistema feudale si formò al tempo di Carlo Magno e si affermò in Europa nel Medioevo.  Questo sistema cominciò a scomparire con il passare del tempo anche se alcuni aspetti di questo sistema, come la sottomissione dei contadini e i privilegi dei signori resistettero più a lungo
Il castello. Era composto da due grandi aree: corte bassa e corte alta, divise fra loro da un alto muro. Nella corte bassa venivano alloggiati tutti gli artigiani come i falegnami, i fabbri, i muratori ecc. e c’erano anche le stalle i fienili, il forno , il pozzo. In questo posto, in caso di attacchi nemici, trovavano rifugio anche i contadini.
Nella corte alta sorgeva il Mastio che altro non era che la residenza (la casa) del Signore . Questo mastio era la parte più fortificata del castello ed era qui che in caso di assedio si svolgeva l’ultima resistenza...

Federico Barbarossa: riassunto

FEDERICO BARBAROSSA

Federico Barbarossa. Il potere imperiale è debole. I comuni dell’Italia settentrionale e centrale appartenevano al Sacro Romano impero Germanico (fondato da ottone di Sassonia), ma, si volevano per forza governare da soli; l’imperatore glielo permetteva perché era debole e lontano.
Quando i principali comuni sorsero l’impero era in lotta con il papato per la questione delle investiture, finita questo  ci fu un nuovo  contrasto, questa volta  fra 2 grandi famiglie nobili tedesche, gli Svevia e i Baviera che volevano entrambe la corona di re di Germania.
Questa lotta si concluse all’elezione di Federico I di Svevia detto  Barbarossa il quale era imparentato con tutte e due le famiglie.