Relazione sul Capitalismo

Appunto inviato da beppesnow
/5

relazione sul Capitalismo (6 pagine formato doc)

Relazione sul Capitalismo.

Capitalismo Sistema economico nel quale la produzione di beni e servizi è svolta, per la maggior parte, da imprese private che Capitalismo Sistema economico nel quale la produzione di beni e servizi è svolta, per la maggior parte, da imprese private che operano con il criterio del profitto e scambiano i loro prodotti sulla base di un sistema di prezzi che si forma liberamente nel mercato. Il capitalismo ha origini antiche, ma ha dovuto attendere l'età moderna, con la sua disponibilità di lavoro libero e l'ampliamento del sistema del credito, per svilupparsi fino a diventare dominante.

Leggi anche Appunti sul Capitalismo e Socialismo

Affermatosi in Gran Bretagna, tra la fine del XVIII e l'inizio del XIX secolo, e poi nel resto dell'Europa e in America, si è diffuso in tutto il mondo soppiantando le diverse forme di società tradizionale.
Il termine "capitalismo" è recente, poiché appare agli inizi del Novecento nell'opera di Werner Sombart e Max Weber. Libera iniziativa, laissez-faire ed economia di mercato sono espressioni spesso utilizzate per designare con una connotazione apologetica i sistemi economici nei quali prevale il capitalismo, mentre, dove questo è controbilanciato da un ampio intervento pubblico, si parla di economia mista.

Leggi anche Riassunto del pensiero di Marx

Il maggior contributo all'elaborazione teorica dei fondamenti del capitalismo moderno si deve al pensatore scozzese Adam Smith, che per primo enunciò i principi economici alla base del sistema. In Ricerche sopra la natura e le cause della ricchezza delle nazioni (1776), libro divenuto il testo classico per eccellenza della teoria economica, egli sosteneva che, nel perseguire l'interesse personale, i singoli individui promuovono altresì i fini di tutta la società: con un enunciato ormai celebre, affermava che la combinazione di interesse privato, proprietà privata e concorrenza tra venditori nei mercati avrebbe guidato i produttori, come una "mano invisibile", verso un fine superiore da loro non consapevolmente perseguito, il benessere della società.