Il carnevale medievale

Appunto inviato da beep1495
/5

Il Carnevale nel medioevo e il mondo alla rovescia secondo lo studioso Bachtin. (file doc, 1 pag) (0 pagine formato doc)

Il Carnevale nel medioevo e il mondo alla rovescia secondo Bachtin Il Carnevale nel medioevo e il mondo alla rovescia secondo Bachtin.
Michail Bachtin, studioso russo, delinea, in questo brano, le caratteristiche e i significati del Carnevale Medievale. Esso si diversifica dalle altre feste religiose per due motivi principali: non si sottolinea la ferrea divisione gerarchica, ma tutti sono a contatto con le altre "impossibili" realtà; abbandonata temporaneamente l'autorità della chiesa e dello stato, si immagina e si ironizza confrontando il mondo della realtà, con un mondo alla rovescia. L'autore sottolinea quanto valore avesse il rituale nel medioevo: il riso, che apparentemente non sembra sottolineare alcuni disagi o problematiche, in realtà induce implicitamente a riflettere.
A mio parere, il passo che più di ogni altro evidenzia le caratteristiche etica di tale festa è: " Il carnevale, in opposizione alla festa ufficiale, era il trionfo di una sorta di liberazione temporanea dalla verità dominante e dal regime esistente, l'abolizione provvisoria di tutti i rapporti gerarchici, dei privilegi, delle regole e dei tabù. Si opponeva ad ogni perpetuazione, ad ogni carattere definitivo e ad ogni fine". Ancora oggi c'è chi si propone un mondo al contrario: Eduardo Galeano, in uno dei suoi libri, che non a caso si intitola "A testa in giù ", evidenzia con minimo sarcasmo i controsensi della vita nella realtà, giungendo alla conclusione che il mondo alla rovescia è proprio quello in cui viviamo. Egli, inoltre, nella parte finale, propone il diritto di sognare: ciò non è altro che il Carnevale medievale. Durante questa ricorrenza, le classi sociali più basse, in particolare, infatti, hanno la possibilità di sentirsi uguali e ciò appare a loro come il temporaneo raggiungimento di quello che non possono essere.