Cenni sulla storia del popolo ebraico

Appunto inviato da blakqueen
/5

Breve riassunto della storia del popolo ebraico, dalla bibbia (2 pagine formato doc)

POPOLO EBRAICO: STORIA

Accenni sulla storia del popolo ebraico.

La maggior parte delle informazioni relative all’origine e alla storia degli ebrei derivano dal loro testo sacro, la Bibbia, che cominciò a essere composta verso l’VIII secolo a.C., a grande distanza dalle vicende narrate.
- Secondo la tradizione confluita nella Bibbia, la storia degli ebrei ha inizio con Abramo; questi, fuggendo dalle città mesopotamiche di Ur e Haran, guidò il suo popolo alla ricerca dell’unico vero dio, Jahveh. La successiva storia degli ebrei è rappresentata dalla Bibbia come una continua peregrinazione alla ricerca della Terra promessa (Palestina).
- Secondo la tradizione biblica, la vita errabonda del popolo ebraico avrebbe conosciuto un periodo di sosta durante la permanenza in Egitto, dove alcune tribù di ebrei vennero asservite a opera dei faraoni.
- La servitù egiziana si concluse, narra la Bibbia, quando Mosè, aiutato da Dio, liberò il popolo ebraico dalla schiavitù, guidandolo al di là del mar Rosso, verso la Palestina.
Durante il viaggio, Dio si sarebbe rivelato a Mosè sul monte Sinai, stringendo con il popolo di Israele un patto di alleanza.

Storia degli ebrei in sintesi

LA VERA STORIA DEGLI EBREI

- Verso il 1200 a.C. (età dei Giudici), alcune tribù di nomadi ebrei si stanziarono in Palestina. Secondo la Bibbia, verso la fine del XII secolo a.C. venne convocata a Sichem un’adunanza di tutte le tribù, che sancì la nascita della nazione ebraica; l’unica signoria era quella di Jahveh, che si esprimeva tramite i sacerdoti.
- Data la debolezza militare, Israele si mosse per creare istituzioni politiche più stabili. La monarchia venne introdotta verso il 1000 a.C., quando venne proclamato re Saul. Il suo successore, David (1000-960 a.C.), creò un vasto regno: istituì un esercito permanente, portò a Gerusalemme, dopo averla conquistata, la sede del potere politico e religioso, realizzò un’amministrazione centrale e periferica di funzionari. L’opera di rafforzamento istituzionale del regno fu proseguita dal successore di David, Salomone (960-920 a.C.).
- Alla morte di Salomone seguì un periodo di forte crisi che portò alla lacerazione: il regno si divise fra i regni di Giuda a sud, con capitale Samaria, e Israele a nord, con capitale Gerusalemme. La società ebraica non fu più in grado di resistere all’espansione delle potenze mediorientali: nel 721 a.C. il regno del nord fu inglobato nello stato degli assiri, che deportarono in regioni lontane circa duecentocinquantamila ebrei.

Storia della persecuzione degli ebrei: riassunto

SCHEMA STORIA EBREI

Solo il regno di Giuda e Gerusalemme riuscirono a resistere. In questo periodo venne promossa l’idea di una identificazione tra Dio e il popolo ebraico (età dei profeti).
- Lo stato ebraico perse la sua già limitata indipendenza nel 586 a.C., quando Gerusalemme fu occupata dai babilonesi. Le classi dirigenti furono deportate a Babilonia per privare il popolo di qualsiasi capacità di resistenza; conquiste e deportazioni diedero avvio al fenomeno della diaspora (dispersione).
- Con l’occupazione persiana di Babilonia, venne concesso agli ebrei esiliati di ritornare in Palestina e di ricostruire il loro stato (538 a.C.).