Civiltà fluviali

Appunto inviato da nba
/5

Breve storia delle civiltà fluviali.L'importanza del Tigri e dell'Eufrate.(formato txt) (0 pagine formato txt)

Civiltà fluviali La Mesopotamia fu culla di una civiltà cui si dà abitualmente il nome di "sumero-accadica" e che per tre millenni ha esercitato un influsso notevolissimo sulle altre formazioni storiche del Medio Oriente, per poi scomparire all'inizio dell'era cristiana, non senza aver lasciato una vasta eredità culturale.
Il paese, posto all'incrocio delle grandi vie di comunicazione tra l'Asia, l'Africa e l'Europa, favorì notevolmente il sorgere e il diffondersi di questa civiltà, che era basata in larga misura, oltre che sulle attività agricole, sui commerci, che appaiono praticati sin dalle età più antiche su scala assai vasta: già i Sumeri scambiavano i loro prodotti con quelli dell'India nordoccidentale, già gli Assiri del periodo di Sargon I avevano basi commerciali nel centro dell'Anatolia. Le irregolarità del regime idrico erano sapientemente regolate da una rete di canali che servivano sia ai bisogni dell'irrigazione, sia ai trasporti, che erano praticati preferibilmente lungo le vie d'acqua naturali o artificiali.
È probabile che proprio nell'ambiente mesopotamico sia avvenuta la scoperta dell'agricoltura, destinata a rivoluzionare la vita dell'uomo, con il conseguente passaggio, intorno al VI millennio a.C., da un'economia seminomade a quella sedentarizzata, di villaggio prima e più tardi urbana. L'evoluzione di questi centri si può seguire attraverso gli scavi di Qal'at Jarmo, con strati preceramici, di Hassuna presso Mosul, di Tell Halaf, e, nel sud del paese, di Samarra e di El-Obeyd, la cui civiltà si estese su tutta la Mesopotamia e oltre. Da queste fasi culturali si evolvettero le fasi protostoriche, caratterizzate dall'apparire, intorno alla metà del IV millennio, della scrittura, dapprima pittografica, poi ideografico-sillabica, e destinata a cristallizzarsi nel caratteristico aspetto cuneiforme. I primi esempi ritrovati a Uruk, e l'elaborazione successiva, furono opera dei Sumeri. Questo popolo, di origine e provenienza ignote, che parlava una lingua priva di parentele conosciute, si era fissato nella Mesopotamia meridionale, forse sostituendosi a popolazioni preesistenti; contemporaneamente pastori semiti, gli Accadi, si infiltravano nel paese, risalendo il Tigri e l'Eufrate e mescolandosi progressivamente coi Sumeri. Una disastrosa inondazione, di cui sono state ritrovate le tracce, sotto forma di uno strato di argilla alluvionale, negli scavi di Ur, distrusse i centri della Babilonia meridionale: nel mito, la tragedia lasciò il ricordo del diluvio universale, ma non turbò lo sviluppo storico del paese. Esso appare diviso in città-Stato spesso rivali, quali Ur, Lagash, Uruk, Umma e varie altre, rette da re (lugal) e governatori (ensi) che volta a volta riuscirono a imporre una loro sovranità su tutta la regione. Altrove si formarono, in questo periodo protodinastico, città-Stato semitiche, come avvenne a Mari. Ad Accad, città non ancora localizzata, emerse infine la grande figura di Sargon I, che riunì sotto il suo potere l