Le compagnie commerciali privilegiate tra il 1500 e il 1700

Appunto inviato da billie1
/5

Le caratteristiche innovative delle compagnie commerciali privilegiate create in Gran Bretagna, nelle Province Unite e in Francia tra il 1500 e il 1700 (2 pagine formato doc)

COMPAGNIE COMMERCIALI PRIVILEGIATE TRA IL 1500 E IL 1700

Le compagnie commerciali privilegiate.

Caratteristiche innovative delle compagnie commerciali privilegiate create in Gran Bretagna, nelle Province Unite e in Francia tra il 1500 e il 1700:
1.    la durata del contratto abbraccia più anni, andando oltre i singoli affari (e diminuendo così i rischi;
2.    privilegi statali come sovvenzioni e facilitazioni doganali, monopoli sulle merci intermediate ed esclusiva su nuove rotte marittime.
Finanziando e proteggendo le compagnie, i governanti mirano a realizzare introiti fiscali, a garantire al paese l’approvvigionamento di merci pregiate a domanda crescente (spezie, sete, cotonate, perle, pietre preziose, tabacco, tè, caffè, cacao.

Il Seicento e il Settecento in Europa: riassunto

VOC – Compagnia unita dei Paesi Bassi (1602):

  • autorizzazione a stipulare trattati diplomatici e commerciali;
  • arruolamento di un esercito;
  • diritto di battere moneta;
  • amministrazione autonoma dei propri insediamenti.

EIC (East India Company – 1600). Privilegi concessi da Elisabetta I:

  • monopolio della navigazione verso oriente per 15 anni;
  • esclusiva dell’importazione in GB delle merci asiatiche;
  • diritto di mantenere un esercito e una flotta;
  • diritto di concludere trattati commerciali.

Compagnia francese delle Indie orientali (1664, su iniziativa del ministro Colbert e approvata dal Re Sole):

  • monopolio delle rotte a est del Capo di Buona Speranza;
  • permesso di esportare oro e argento per pagare le importazioni;
  • autonomia amministrativa delle basi commerciali;
  • possibilità di assoldare armati;
  • abbuoni doganali;
  • esercizio della giustizia civile e penale.

Tuttavia, la compagnia francese ha più soci fra i nobili che fra i mercanti, facendone un organismo ben diverso dalla VOC e dalla EIC.

La riorganizzazione del 1684 avvia una fase favorevole dei traffici, ma nel 1720 fa bancarotta; la compagnia francese delle Indie torna a funzionare solo nel 1730.

WIC (1621 – Compagnia delle Indie olandese): prerogative identiche alla VOC, con lo scopo di fare la guerra di corsa (“corsari”) agli spagnoli.
Nel 1654 i Portoghesi riconquistano le province brasiliane delle quali gli olandesi tengono il controllo, mettendo fine al progetto di un impero olandese nel Nuovo Mondo.