Crescita demografia e economia del 1700

Appunto inviato da tamy95
/5

Descrizione dei cambiamenti economici e demografici durante la prima metà del 1700 negli stati europei (4 pagine formato doc)

Durante il 1700 la popolazione in europa aumenta, fino a triplicarsi.
Grazie ai primi censimenti però si sa che l’aumento della popolazione non fu dovuto solo alla crescita in sè, ma ad una diminuzione della mortalità e un miglioramento delle condizioni di vita.
Le cause che permisero la crescita demografica sono principalmente due:
- la scomparsa della peste: eccetto alcuni casi, per diversi decenni non ci fu nessuna epidemia nell’Europa occidentale. Tre diverse ipotesi spiegano questo fatto:
1 durante il 1700 la peste potrebbe essersi manifestata in cicli meno virulenti rispetto ai secoli precedenti


2 il clima caldo umido dei secoli precedenti subì una fase di raffreddamento. Inoltre nessuna guerra nel XVIII secolo fu combattuta in concomitanza con un’epidemia di peste, mente il passaggio degli eserciti nei secoli precedenti era stato uno dei mezzi più efficaci per la diffusione della peste
3 negli stati accentrati e di tipo assolutistico dell’Europa Occidentale risultò più facile organizzare contro misure alla peste come quarantene e cordoni sanitari, bloccando il movimento delle merci e degli uomini.
Per esempio nel 1720 una nave, con alcuni morti già a bordo, proveniente dalla Siria, a cui era stato negato il permesso di entrare nel porto di Livorno, fu accettata a Marsiglia. La peste si diffuse in tutto il Sud della Francia e fu limitata a quella zona solo grazie ai cordoni sanitari.


- la più letale e diffusa malattia in Europa era il vaiolo, che, a cicli di 7 – 8  anni, colpiva la maggior parte della popolazione infantile. Coloro che sopravvivevano rimanevano deturpati da cicatrici sul corpo e sul volto. Verso la fine del Settecento viene scoperto per caso il vaccino, da Edward Jenner. Anche il miglioramento delle condizioni igieniche sanitarie e l’uso dell’acqua corrente anziché quella stagnante contribuirono alla riduzione della mortalità.