Crociate e Repubbliche marinare: riassunto

Appunto inviato da tomy2002
/5

Riassunto sulla rinascita delle città delle Repubbliche marinare (Venezia, Amalfi, Pisa e Genova) dopo l'anno mille (2 pagine formato doc)

CROCIATE E REPUBBLICHE MARINARE

L’espansionismo economico-militare dell'Europa dopo il Mille.

La rinascita economica dell’Europa feudale e cittadina dopo il mille si accompagnò in un rapporto al contempo di causa ed effetto, a un intenso espansionismo commerciale  militare che si volse soprattutto in direzione del ricco mediterraneo, musulmano e bizantino:
1.    le repubbliche marinare instaurarono il loro predominio sul mediterraneo e aprendo tra gli scambi tra europa e oriente;
2.    i Normanni espulsero bizantini e arabi dall’Italia meridionale ella unificarono sotto il loro dominio;
3.    la riconquista cristiana liberò la penisola iberica dai musulmani;  
4.    il movimento delle crociate portò l’Europa feudale e cittadina ad attaccare sia l’islam che Bisanzio nel loro stesso territorio.
Nel contempo il mondo islamico dovette abbandonare i sui domini in Europa e, coinvolto dall’irruzione di Turchi e Berberi,vide riconfermato la sua  divisione politica,  mentre l’impero bizantino riuscì ancora una volta a salvarsi dagli attacchi esterni, ma iniziò il suo definitivo declino.

La lotta tra papato e impero e le crociate: riassunto

REPUBBLICHE MARINARE: RIASSUNTO

•    Le Repubbliche marinare Italiane.
Tra  il X e XI sec alcune città costiere Italiane in particolare Venezia, Amalfi, Pisa e Genova conquistarono una condizione di piena autonomia politica e divennero protagoniste di un’intensa attività commerciale  e militare nel mediterraneo che fece di loro le dominatrici degli scambi tra l’oriente e l’Europa.

Storia delle crociate: riassunto

RIVALITA' TRA GENOVA E VENEZIA

Venezia. Sorta sulle isole della laguna veneta al tempo delle invasioni Barbariche , Venezia ,estrema appendice del dominio bizantino in Italia,divenne una singolare città senza terra nella quale erano sconosciute le istituzioni feudali i cui liberi cittadini vivevano di pesca e di commercio .
Fin dal X secolo Venezia si rese indipendente da Bisanzio, con la quale conservò tuttavia intensi rapporti commerciali e si affidò al governo del Doge  capo politico e militare della città ed espressione del suo patriziato mercantile.
Iniziò così l’ascesa commerciale di Venezia che divenne la  protagonista principale degli scambi tra l’oriente e il mondo europeo, grazie alla sua posi9zione di privilegio nel commercio con Bisanzio e alla sua intraprendenza commerciale anche verso il mondo arabo ( in particolare Siria ed Egitto) la potenza commerciale e finanziaria fece di Venezia anche una potenza politica e militare : la città stabili infatti iul suo dominio sull’adriatico e riuscì in fine, con la IV crociata a costruire un proprio impero territoriale che dalle coste dalmate si estendeva fino la mare Egeo .
Nel XII secolo Venezia aveva stabilito la sua organizzazione politica interna,la cui costituzione assicurava il controllo della città al patriziato mercantile, che eleggeva il Doge e lo coadiuvava e controllava nell’opera di governo tramite gli organi collegiali cittadini.

L'espansione islamica in Europa tra medioevo e prima età moderna

.