Gli egizi: storia

Appunto inviato da surrenalica
/5

Egizi: storia della civiltà egizia, l'unificazione dell'antico regno, la decadenza e l'arte egizia (3 pagine formato doc)

EGIZI: STORIA

Gli egizi. La civiltà del Nilo. Con una sostanziale differenza cronologica rispetto alla civiltà mesopotamica, ma con una continuità e una stabilità maggiori, lungo le rive del medio e basso del Nilo sorse, circa verso il 3000 a.C.

e prosperò fino a quasi le soglie dell’era Cristiana, la civiltà egizia.
Con la contemporanea esperienza sumerica la civiltà egizia delle origini condivise alcuni caratteri fondamentali che vanno dalle tecniche agricole all’articolazione della struttura sociale, dalla divisione del lavoro economico-commerciale, dall’utilizzazione della scrittura ai modelli architettonici: tali caratteri si fusero con le peculiarità preistoriche e protostoriche delle genti nilotiche, dando corpo ad una realtà culturale dai tratti originali inconfondibili.
Le novità che rendono specifica la civiltà dell’Egitto antico si possono ricondurre tutte ad un’unica causa: la presenza del fiume Nilo.
Il peso che il grande fiume esercitò sulla storia egizia fu enorme.

Importanza del Nilo per gli egizi: tema

EGITTO STORIA: RIASSUNTO

La conformazione geografica dell’Egitto, un ampio territorio desertico spezzato longitudinealmente dal Nilo, fece sì che tutta la popolazione si concentrasse e che la vita civile si svolgesse secondo schemi analoghi al nord come al sud, in una limitatissima fascia di terra lungo le due sponde del fiume: ciò costituì un forte elemento di coesione nello spazio e nel tempo.
L’omogeneità delle forme e dei ritmi di vita e di lavoro, imposti dal ciclo periodico delle inondazioni del Nilo, si rifletté sui caratteri distintivi delle civiltà degli egizi, conservatrice, tradizionalista, gelosa delle proprie consuetudini, sempre uguale a sé stessa pur nell’evolversi delle vicende storiche e degli assetti politici.
Va anche sottolineato, infine, com’è esiguità del territorio abitato rendesse più agevole la difesa dello stato dai nemici esterni.

La civiltà egiziana: riassunto

LA CIVILTA' EGIZIA: RIASSUNTO

L’unificazione dell’Antico Regno. La storia dell’Antico Egitto è scandita dal succedersi delle dinastie dei sovrani, i FARAONI, termine che indica sia la persona del re sia il suo palazzo, centro del potere politico ed economico dello stato.

Gli storici suddividono i tremila anni di storia egizia secondo un numero progressivo da uno a 30 attribuito alle dinastie.
Le dinastie a loro volta sono raggruppate in tre grandi periodi detti Antico, Medio e Nuovo Regno, separati da due Periodi Intermedi e seguiti da un’Età Tarda di lenta decadenza.
La prima fase si apre con l’unificazione, avvenuta intorno al 3000 a.C., dei Regni, separati in epoca preistorica, dell’Alto e del Basso Egitto. L’evento c’è testimoniato da un celebre documento epigrafico-iconografico oggi al museo del Cairo, la così detta paletta di Narmar, nome attribuito al sovrano che portò a compimento il processo unitario dando inizio al periodo dell’Antico regno (circa 3000-2230 a.C.).
Si collocano nella fase dell’Antico regno alcuni fra i sovrani più noti della storia egizia, come Zoser, Cheope, Chefern e Micerino dalla III e IV dinastia i grandi costruttori delle piramidi, le tombe monumentali simbolo della civiltà egizia, simili nella struttura architettonica originaria agli ziggurat, i templi sumero-accadici della Mesopotamia, ma poi evoluti verso le forme di compiuta perfezione geometrica.