L'esperienza religiosa dei greci e dei romani

Appunto inviato da nani
/5

Politeismo antropomorfico greco, religione e società in grecia, il pantheon greco, la religione romana. (file.doc, 9 pag) (0 pagine formato doc)

L'ESPERIENZA RELIGIOSA DEI GRECI E DEI ROMANI L'ESPERIENZA RELIGIOSA DEI GRECI E DEI ROMANI 1.
IL POLITEISMO ANTROPOMORFICO GRECO Venivano venerate divinità legate: a i singoli luoghi (boschi, montagne) a fenomeni naturali (fulmine, tempesta) a momenti importanti della vita (nascita, matrimonio). ? Queste divinità rappresentavano potenze sovrumane di cui occorreva placcare la collera e propiziarsi il favore ? atti di culto ? diventano riti da ripetere con precisione e regolarità nelle date fissate dalla tradizione ? processione venerazione sacrificio preghiera ? Il loro corretto svolgimento era assicurato da uomini che assumevano funzione sacerdotale. LA MITOLOGIA POETICA fra VII e VII sec.
a.C. ? nascono i poemi di Omero e di Esiodo ? Presentano in forma poetica una compatta mitologia Accompagnano il rito spiegandolo La religione greca assume il suo assetto definitivo caratterizzato da: politeismo antropomorfismo. IL POLITEISMO Il politeismo greco: stabilisce una pluralità limitata non si associa una divinità ad ogni esperienza elementare del sacro le divinità sono un gruppo stabile e preciso alla loro potenza vengono riferiti i fenomeni avvertiti come sacri. rifiuta la riduzione della pluralità degli dei in un'unica divinità, tesi sostenuta da Aristotele (IV sec.a.C.) dagli Stoici (III sec. a.C.) e da Plotono (III sec. d.C.) L'ANTROPOMORFISMO Antropomorfismo ? concepire gli dei come figure umane portate alla perfezione. Gli dei sono: potentissimi (non onnipotenti) immortali ? rappresentano la proiezione ideale, perfetta della figura del re guerriero cantata dai poemi epici. belli felici non creatori provano passioni hanno un carattere psicologico individuale, una configurazione e una storia personale. sono lo specchio perfetto dell'intera gamma delle situazioni della vita individuale e collettiva. LE STATUE E I TEMPLI Gli dei essendo simili all'uomo: erano raffigurabili mediante statue l'immagine del dio aveva bisogno di una casa ? nasce il santuario e il tempio la cui parte più interna custodisce l'effigie del dio ? si trova nel centro della città ed è punto di ritrovo dove i fedeli celebrano i riti. UNA RELIGIONE SENZA CHIESA E SENZA DOGMI La religione greca non si basa su nessun Libro sacro rivelato direttamente dalla divinità non esistono interpreti ufficiali ? Non esiste una Chiesa unificata e accentrata con poteri universali ? Non esiste un sacerdozio professionale Alcune famiglie si tramandano per eredità funzioni sacerdotali specifiche Altre cariche sono elettive e a scadenza periodica ? anche la poleis può avere la gestione di templi e riti 2. non esistono dogmi ma è fatta di storie e racconti che possono essere mutati e arricchiti ? La religione greca resterà sempre aperta al contributo di poeti e artisti e alla discussione di filosofi e uomini di cultura Esistono solo alcuni centri religiosi come il santuario di Apollo a Delfi che esercitano una funzione panellenica (le sue decisioni accettate da tutti) 2. RELIGIONE E SOCIETA' IN GR