La guerra dei trent'anni e la Rivoluzione inglese: cause e conseguenze

Appunto inviato da lauramorbiato96
/5

Cause e conseguenze della guerra dei trent'anni e della rivoluzione inglese: descrizione della situazione politica europea nel 1600 (3 pagine formato doc)

LA GUERRA DEI TRENT'ANNI E LA RIVOLUZIONE INGLESE: CAUSE E CONSEGUENZE

La guerra dei 30 anni.
Prima della rivoluzione di Cromwell ci furono in tutta Europa degli eventi fondamentali per la storia futura. 
Uno di questi è la guerra dei 30 anni, che fu una guerra durissima che mise a ferro e fuoco quasi tutta l’Europa. Questa guerra durò più o meno 30 anni, e si divise in quattro fasi. 
Fu una guerra così cruenta che si diceva che ogni soldato avesse bisogno di almeno tre contadini: uno per prendergli la moglie, uno per prendergli la casa, e uno per andare all'inferno al posto suo.
Con la fine di questa guerra nel 1648, si concluse una lunga fase di lotte religiose.
Già nel 1598 si era posta una sorta di conclusione ai conflitti religiosi, con l'editto di Nantes, emanato da Enrico IV che, pur riconoscendo la superiorità dei cattolici, concedeva la liberta ai protestanti, che in Francia si chiamavano ugonotti. Enrico IV era inizialmente un ugonotto ma fu costretto a convertirsi per ragioni politiche. Enrico IV fu assassinato nel 1610 da un prete fanatico.

La guerra dei trent'anni: fasi, cause e conseguenze

GUERRA DEI 30 ANNI: CAUSE E CONSEGUENZE

Dalla prima meta del 500 in Inghilterra regna Elisabetta I. Elisabetta era una sovrana anglicana, figlia di Enrico VIII, che portò l'Inghilterra a diventare una delle maggiori potenze europee. Per far ciò la regina usa degli espedienti poco ortodossi, come quello di finanziare la pirateria, di cui Francis Drake fu uno dei più grandi capitani. 
Durante l’età elisabettiana nacquero alcuni dei più grandi poeti e drammaturghi, che diedero lustro allo stato, e si placarono le guerre di religione, grazie alla sua politica interna.  Nonostante Elisabetta fosse una sovrana molto illuminata, si macchiò, per ragioni di stato, di un crimine tremendo, facendo giustiziare sua cugina Mary Stuart. Mary era una sorta di rifugiata politica che fuggiva dalla Scozia in guerra. Elisabetta viene a sapere che c’è un inganno a palazzo che ha lo scopo di sostituirla con Mary. Quando Elisabetta muore, nel 1603, finisce la dinastia dei Tudor e comincia quella degli Stuart, che venivano proprio dalla Scozia.

La guerra dei trent'anni: riassunto

CAUSE E CONSEGUENZE DELLA CRISI DEL 1600

Filippo II re di Spagna aveva chiesto la mano della regina Elisabetta, tentando di combinare un matrimonio di alleanza. Quando Elisabetta rifiuta, Filippo invia le navi dell'invincibile armata, che però affondano nel canale della Manica.
Filippo II è un fanatico religioso, che in nome del cattolicesimo e della purezza del sangue, caccia dalla spagna tutti gli ebrei e gli arabi, finendo così l'opera cominciata con la reconquista. Questo porta un grande danno alla nazione perché gli arabi erano dei formidabili agricoltori, e gli ebrei erano i prestatori di denaro. Filippo II entra in guerra, sempre per motivi religiosi, anche con i Paesi Bassi con l'intenzione di convertirli, ma perde il conflitto.