Fidel Castro: biografia

Appunto inviato da davideghione
/5

Ricerca su Fidel Castro: biografia e la storia e politica di Cuba sotto il suo governo (7 pagine formato doc)

FIDEL CASTRO: BIOGRAFIA

Fidel Castro.

Uomo di Stato cubano nato a Mayarì (Santiago de Cuba) nel 1927 .
La famiglia Castro Ruz appartiene alla classe dirigente tradizionale dei proprietari terrieri; questa origine rurale, provinciale, spiega forse la passione sempre nutrita da Fidel per tutto ciò che riguarda la terra. Ragazzo di buona famiglia, educato tra numerosi fratelli e sorelle, compie il primo ciclo di studi presso i Gesuiti, passa poi alla facoltà di diritto per divenire "licienciado", avvocato, come tanti altri giovani di buona famiglia dell' America Latina. Prende parte alla vita politica studentesca, distinguendosi per il suo carattere appassionato e temerario.

AlI'Università, scopre la politica cubana, che attraversa allora il suo periodo peggiore, quello del terrorismo armato, cioè quello del terrorismo dei fuorilegge che hanno fatto la loro comparsa dopo il 1944 : si tratta di un terrorismo disperato fomentato dalla sinistra insurrezionale, che, dopo la sconfitta subita ne11934, pratica una forma di violenza fine a se stessa. Un esempio di rivoluzionario insofferente di questo ambiente è rappresentato da Rolando Masferrer, reduce dalla guerra civile spagnola, che partecipa nel 194 7 con Castro ad un tentativo di sbarco a Santo Domingo contro Trujillo, prima di diventare senatore di Batista e organizzatore della sua banda controrivoluzionaria, le "Tigri di Masferrer" .

Fidel Castro e Che Guevara: lettera e testamento

FIDEL CASTRO COSA HA FATTO

Dopo il fallimento del tentativo di Santo Domingo, Fidel Castro aderisce a Partito del popolo cubano, fondato nel 1946 da Eduardo Chibas (1907-1951). Ne11948, si trova a Bogotà al momento dell' assassinio di Jorge Eliecer Gaitàn(1903-1948),che è seguito da una grande sollevazione popolare, inizio della guerra civile colombiana.
La lotta contro Batista - Dopo aver protestato contro il colpo di stato di Batista (marzo 1952), organizza con centoventi uomini l' attacco alla caserma della Moncada, a Santiago de Cuba. II 26 luglio 1953, gli assalitori sono respinti e subiscono perdite molto pesanti; Fidel e il fratello Ralìl sono processati e condannati. Fidel termina la sua arringa con queste parole: “La storia mi assolverà”. A ricordo di questo episodio il movimento castrista si sarebbe poi chiamato “26 de julio”.
Graziato nel1955, parte per il Messico e gli Stati Uniti allo scopo di organizzare dall' esterno il rovesciamento della dittatura.

La Rivoluzione cubana, riassunto

FIDEL CASTRO CHE GUEVARA

Dopo aver ottenuto forse aiuti da alcuni uomini d' affari americani, si imbarca in Messico con altri ottanta partigiani, tra i quali anche Che Guevara sul Granma. L' operazione fallisce: la nave viene colpita il2
dicembre 1956 dal fuoco delle mitragliatrici, e un pugno di sopravvissuti riesce a guadagnare la Sierra Maestra, da dove lancerà due anni più tardi l'offensiva finale contro Batista. Questo nuovo scacco comporterà la conseguenza di modificare le concezioni dei rivoluzionari; due anni di Sierra Maestra getteranno le basi della rivoluzione cubana.
Nel1957, la resistenza urbana, organizzata da altri movimenti, è responsabile di numerosi attentati. Il direttorio rivoluzionario attacca il palazzo di Batista all’ Avana, e il suo capo, Josè Atltonio Echevarria, è assassinato dalla polizia. Nelle province orientali il movimento ribelle si allarga a macchia d' olio; Fidel Castro, frattanto, acquisisce popolarità anche negli Stati Uniti grazie ai servizi del corrispondente del New York Times, Herbert Matthews.

Che Guevara: biografia

FIDEL CASTRO: STORIA

Nel 1958, la guerriglia sulle montagne e la resistenza urbana gettano discredito sul regime di Batista. A Washington non si sa più quale politica seguire: sostenere Batista, che denuncia Castro come un comunista antiamericano, oppure parteggiare per un rivoluzionario generoso e romantico destinato a rientrare nei ranghi.
Nel 1958, il governo americano e tutti gli osservatori sono d' accordo: "Non è provata, in seno al movimento di Castro, l' esistenza di movimentI comunisti organizzati, così come non è provato neppure che il senor Castro subisca l' influenza comunista".