Nascita e declino dei Franchi, Longobardi e Carolingi

Appunto inviato da meex93
/5

cronologia schematica della nascita e del declino di alcuni regni (4 pagine formato doc)

Nascita e declino dei Franchi, Longobardi e Carolingi - I regni germanici:
-
I popoli germanici, dopo il crollo dell'impero romano d'Occidente erano diventati i nuovi padroni dell'Europa.

Molti provenivano da Asia o nord Europa. All'inizio erano in cerca di luoghi ospitali e, trovando i ricchi e fertili territori dell'impero d'occidente, qui si fermarono.

Leggi anche Appunti su Carlo Magno e i Carolingi

- L'impero d'Occidente era stato diviso in 4: costa nordafricana ai vandali; penisola iberica ai visigoti; Gallia spartita tra Franchi e Burgundi; Italia agli ostrogoti
- La Britannia era stata abbandonata dai romani e intorno alla metà del V secolo i popoli germanici di angli, sassoni e iuti vi penetrarono.
-
Quando fu chiaro che le invasioni "barbariche" non erano una cosa temporanea inizio a porsi il problema della convivenza di 2 popoli cosi diversi: i romani con la loro cultura, e i germani praticamente privi di cultura. I germani che ormai avevano il comando pur essendo in minoranza, decisero o di distruggere i romani o di collaborare.

Leggi anche Le date fondamentali del Medioevo

- La differenza era anche sul piano del diritto: i romani l'avevano scritto e complesso, i germanici orale e mlt semplice
-
Infine sul piano religioso in quanto i germanici erano ariani, mentre i romani cattolici
- Nonostante tutto i re barbarici si sentivano inferiori rispetto all'imperatore bizantino, sentendosi suoi delegati.

Leggi anche Ricerca completa sul Medioevo

La nascita della Francia
-
I franchi dopo la caduta dell'impero romano d'occidente, nel 486 si erano insediati su gran parte della Gallia a nord
-
Un momento importante della loro storia fu quando il re Clodoveo riunificò le tribù e si convertì al cattolicesimo, trascinando il suo popolo.

Non lo fece a caso, ma per attenuare le tensioni con i romani. Il regno franco è uno tra i pochi regimi romano-germanici in cui funzionò l'integrazione tra romani, chiesa e nuovo governo