I geroglifici e gli scriba

Appunto inviato da lunas88
/5

Che cosa era la scrittura egizia, che cosa significava e da che cosa era costituita, chi erano gli scriba e le loro funzioni. (2 pagine formato pdf)

La scrittura geroglifica si è mantenuta quasi uguale per oltre 4000 anni.
Gli antichi egizi credevano che fosse stata rivelata agli uomini dal dio Thot, il dio dalla testa di Ibis (uomo con la testa di un uccello).
Il termine geroglifico significa SEGNO SACRO INCISO, questo termine fu dato ai geroglifici da Clemente Alessandrino I, ma in realtà gli egiziani chiamavano la loro scrittura PAROLE DIVINE e la rappresentavano con tre simboli: una bandiera, un bastone e tre trattini.
I primi geroglifici comparirono intorno al 3100 a.C.
Poco prima dell'unificazione dell'Alto e Basso Egtto, sotto il primo faraone Nemes.
I geroglifici sono segni pittorici e combinano elementi ideografici, sillabici e alfabetici.
Un sistema simile di scrittura venne utilizzato dalla civiltà minoica tra il 2000 a.C.
E il 1650 a.C. Circa.

I geroglifici erano raffigurati con dei colori, infatti per colorare quest'ultimi venivano usati dei materiali che mescolati con albume d'uovo e colla di pesce formavano i colori, per esempio per fare il bianco veniva usato il gesso o il calcare, il giallo ossido di ferro idratato, il rosso ossido di
ferro, il verde la malachite che è un minerale.
In seguito la scrittura subì altre evoluzioni e nell'ultimo periodo della storia dell'Antico Egitto si trovarono tre tipi di scrittura egizia, cioè quella GEROGLIFICA, IERATICA e DEMOTICA.