L'Impero Carolingio (Appunti)

Appunto inviato da vid890
/5

Appunti molto buoni sull'Impero Carolingio (2 pagine formato doc)

Untitled L'Impero Carolingio I Carolingi Dal VIII sec.
Emerse il regno dei franchi della dinastia dei merovingi, di cui erano maestri di palazzo i carolingi (cioè coloro che assistevano il sovrano nell'esercizio del potere); tuttavia essi nella pratica avevano acquisito un enorme potere. Pipino di Landen morì nel 639 e un suo discendente, Pipino di Heristal, nel 687 unificò tutti i territori delle Gallie in un unico dominio, che sarebbe stato consolidato dal figlio Carlo Martello.Quest'ultimo nel 732 sconfisse gli arabi presso Poitiers con i suoi cavalieri franchi bardati di ferro; così riconquistò la Galla meridionale e pose fine alle razzie arabe. L'esercito franco era formato da una parte da qualsiasi franco abile nel combattimento, ma il suo punto di forza erano i cavalieri scelti, vassalli dei carolingi.
Essi venivano favoriti dal governo in quanto l'attrezzatura comportava un'ingente impegno economico. Con i franchi venne abbracciato il cattolicesimo, e quando Pipino il Breve (figlio di Carlo Martello) chiese nel 750 al papa se il titolo di re spettava a chi ne aveva titolo o a chi deteneva il potere di fatto, il pontefice rispose subito a favore di Pipino. Quindi nel 751 egli venne incoronato re, deposto l'ultimo dei merovingi. Attraverso l'incoronamento da parte del papa il re derivava il suo potere da Dio. Pipino morì nel 768 e gli successero Carlomanno e Carlo, suoi figli, ma la morte di Carlomanno 3 anni dopo ricondusse il potere nelle mani di Carlo, detto Carlo Magno (“Il Grande”). Egli sottomise e conquistò: I sassoni, conquistando così la Germania settentrionale. La Baviera. Gi avari (796), popolo mongolo che premeva dal VI sec. Intraprese campagne contro gli arabi di Spagna (801-813), conquistando la Catalogna e Barcellona, e costituendo la Marca Hispanica, che avrebbe difeso i confini meridionali. Il Nuovo Impero d'Occidente Quando i Franchi cercarono di conquistare l'Italia, tenendo conto della loro alleanza con Roma, il re longobardo Desiderio (756-774) dovette mantenere una certa cautela: come pegno di amicizia diede in spose le proprie figlie a Carlo e Carlomanno, ma Carlo la rifiutò.Così la vedova e i figli di Carlomanno si rifugiarono da Desiderio, mentre a Roma veniva eletto papa Adriano I, avverso ai longobardi. Desiderio reagì attaccando il ducato di Roma, scatenando contro di sé anche Carlo, che scese in Italia nel 773; resistette solo Pavia, ma cadde nel 774, segnando la fine del regno longobardo in Italia. La notte di Natale dell'800 il papa Leone III incoronò Carlo Magno imperatore d'Occidente; quella del pontefice fu una mossa astuta in quanto: Rafforzava la sua autorità sui rivali romani. Affermava la sua indipendenza da Bisanzio. Stabiliva che il potere politico derivava da Dio e quindi si riservava il diritto di conferirlo. Da questo momento ha inizio quindi la diarchia di impero e papato, in cui anche la cultura e l'istruzione erano organizzate dalla Chiesa. Bisanzio, la cui imperatrice era Irene, ac