Impero dei franchi

Appunto inviato da gabrytune
/5

Da Carlo Magno agli Ottoni: tutto quello che bisogna sapere sull'Impero dei Franchi (5 pagine formato doc)

L'impero da Carlo Magno agli Ottoni


Carlo Magno, il creatore di una nuova struttura imperiale dopo il tramonto dell'Impero romano d'Occidente, appartiene alla dinastia dei Pipinidi.
Suo padre, Pipino il Breve, figlio di Carlo Martello - il vincitore degli Arabi a Poitiers - è l'artefice delle fortune della famiglia.
Egli, maestro di palazzo o maior domus del re franco Childerico, ultimo esponente della dinastia dei Merovingi, discesa dal primo re franco Clodoveo, lo spodesta. Pipino, con un'azione energica priva del potere l'ultimo appartenente a un lignaggio che, con un'accorta operazione di damnatio memoriae, nelle cronache successive sarà definita di rois faineants, re fannulloni. L'usurpazione di Pipino il Breve viene approvata dalla Chiesa, che ne suggella il ruolo preminente: nel 752 Bonifacio, futuro santo, consacra Pipino con il crisma con il quale vengono unti i vescovi e viene nominato difensore della Chiesa. Due anni dopo papa Stefano II lo riconsacra re dei Franchi.
Tale operazione fa acquisire alla monarchia francese un carattere sacro e la rende l'effettivo scudo della Chiesa di Roma contro eventuali pericoli: un ruolo che viene rinsaldato durante il regno di Carlo Magno.

Alla morte di Pipino, avvenuta nel 768, il regno viene diviso, secondo la tradizione franca, fra i due figli, Carlo
- che sarà detto Magno - e Carlomanno, ciascuno dei quali può fregiarsi del titolo di rex Francorum. Tuttavia, la prematura morte di Carlomanno, nel 771, consente a Carlo Magno di ricostituire a suo vantaggio l'unità del regno e promuovere una politica espansionistica in Europa.

Le prime campagne del sovrano sono rivolte a rinsaldare il suo regno, riconquistando l'Aquitania già possesso del padre e ribellatasi alla sua morte, e rinforzando il confine nordoccidentale, in corrispondenza della Bretagna, mai conquistata. Uno dei maggiori successi militari di Carlo Magno è rappresentato dalla campagna d'Italia.