L'Italia dalla Destra Storica a Giolitti

Appunto inviato da andrea87andrea
/5

Sintesi dei principali avvenimenti riguardanti la Destra e la Sinistra Storica e l'Età Giolittiana (4 pagine formato doc)

Destra storica
La morte di Cavour (6 giugno '61) aveva lasciato un compito immane al gruppo che egli aveva posto al centro del processo risorgimentale, la Destra storica (formata dai gruppi dirigenti moderati).


Come per la Sinistra, NON si trattava di un partito vero e proprio, MA di un insieme di elementi accomunati da interessi comuni:
a)visione liberale,
b)atteggiamento laico,
c)concezione centralistica dello stato.

La Destra, però, oltre alle difficoltà italiane dovette affrontare quelle legate al proprio partito:
- accusa di non rivendicare con forza Veneto/Roma;
- divisione in gruppi di interesse.
 
Nel 1876 la Destra cadde, non avendo saputo risolvere la questione ferroviaria.

Sinistra storica
Era anche questo un gruppo complesso, costituito da varie aggregazioni, che rappresentava gli interessi di borghesi, commercianti e funzionari, agrari (specialmente nel Mezzogiorno).

a)Depretis(‘76-‘87)
Il suo principale esponente fu Agostino Depretis, che già nel discorso di Stradella anticipò il proprio programma:
- allargamento diritto voto
- istruzione elementare obbligatoria/gratuita
- riforma fiscale (NO tassa macinato)
- decentramento amministrativo.
 .