Lotta tra Comuni e Impero

Appunto inviato da r0ss Voto 5

Riassunto schematico sulle lotte tra i Comuni italiani e l'Impero di Federico Barbarossa, tra il 1100 e il 1356 (2 pagine formato doc)

LOTTA TRA COMUNI E IMPERO

Lotta tra i Comuni e l'Impero. Nel XII - XIV secolo in Italia e nelle Fiandre le città tendono e rendersi autonome dal potere feudale creando nuove istituzioni.
Per primo si sviluppa il regime aristocratico: 2 consoli che appartengono alla nobiltà e hanno il dovere di difendere la città in quanto gli unici a conoscere l’arte della guerra; l’Arengo l’ assemblea dei cittadini, però con poco potere.
Conflitti:i borghesi chiedevano di partecipare alla vita politica; numerose lotte interne tra gli aristocratici.
 Regime podestarile : un podestà nominato da fuori e stipendiato, responsabile delle proprie azioni pagava con i propri soldi i danni provocati.
Regime popolare : la città era guidata dal consiglio delle arti formato dai maestri delle       
Corporazioni, che a loro volta eleggono il capo militare.
Lotte tra il popolo e i magnati: leggi antimagnatizie  chi è cavaliere non può partecipare alla vita politica. Coloro che hanno possedimenti fuori dalla città
Nel 1100 l’impero era nel caos: nel 1125 muore Enrico IV l’ultimo discendente della dinastia di Franconia, quindi il potere in Germania è conteso tra due famiglie:
•    gli Hohenstaufen ( Svevia) chiamati anche Weiblingener
•    i Welf (Sassonia)
Si trova un compromesso e nel 1152 viene eletto re di Germania Federico I della casata degli Hohenstaufen.
Il re vuole scendere in Italia per restaurare il potere imperiale, in quanto numerosi comuni si erano resi indipendenti durante il lungo periodo della lotta per la successione.
Nel 1154 scende in Italia e convoca la dieta di Roncaglia, in cui vengono convocati tutti i feudatari e i potenti d’Italia.

Federico Barbarossa e i Comuni: riassunto

FEDERICO BARBAROSSA E I COMUNI ITALIANI

Alcuni comuni però si ribellano, ad esempio a Roma il Papa è costretto a fuggire in Francia da dove chiede l’aiuto di Federico I Barbarossa, che riesce a sconfiggere Roma nel 1155.
Così Adriano IV incorona Federico I imperatore.
1156 accordo di Benevento  tra Papa e Normanni e si inimica l’imperatore.
Nel 1158 Federico scende nuovamente in Italia per ristabilire l’ordine e convoca la seconda dieta di Roncaglia : impone il pagamento delle tasse all’impero.
Alessandro III appoggia i comuni.
Ma la città di Milano viene assediata e conquistata nel 1162 e rasa al suolo.
1164 i comuni veneti si alleano.
1167 i comuni lombardi stipulano in giuramento di Pontida con cui fondano la Lega Lombarda. Ricostruiscono Milano e fondano Alessandria dedicata all’omonimo Papa.
1176 battaglia di Legnano: la Lega Lombarda sconfigge l’imperatore.
1183 pace di Costanza: ai comuni vieni riconosciuta un’ampia autonomia ma devono pagare le tasse e rispettare le ordinanza imperiali.

Federico Barbarossa: riassunto

L'IMPERO LA CHIESA E I COMUNI: RIASSUNTO

Enrico VI sposa Costanza d’Altavilla così vengono unificati l’impero e il regno di Sicilia.
Costanza rimane vedevo con il figlioletto di soli 3 anni che diventerà il futuro Federico II. Il Papa Innocenzo III diventa il protettore del bambino e nomina imperatore Ottone di Brunswich con la promessa che si interesserà dell’Italia. Ma Ottone infrange il giuramento e viene attaccato da Filippo Augusto e sconfitto nel 1214 a Bouvins.
1220 Onorio III incorona Federico II imperatore.
Nel 1226 Dieta di Cremona: la maggior parte dei comuni disertano.