Motociclismo

Appunto inviato da jacop0
/5

Breve ricerca sul motociclismo.(3 pagine, formato word) (0 pagine formato doc)

Il motociclismo Il motociclismo 1.
INTRODUZIONE  Motociclismo Sport nel quale piloti alla guida di motociclette gareggiano su circuiti asfaltati, su strade chiuse al traffico o su percorsi misti. L'obiettivo è giungere al traguardo davanti a tutti gli altri concorrenti dopo aver completato i giri previsti, oppure essere in testa alla gara al termine del tempo prestabilito. Le gare motociclistiche prevedono prove su pista o prove fuoristrada. 2. GARE SU PISTA  Le gare su pista vengono a loro volta classificate in: velocità, sidecar e speedway. La velocità si svolge su circuiti chiusi, e le prove si dividono a seconda della cilindrata in: 125 cc, 250 cc, 500 cc, 750 cc, superbike. La superbike è una categoria open nella quale possono concorrere moto di cilindrata compresa tra i 750 cc e i 1100 cc.
Nella velocità la partenza avviene con i motori accesi; solo in alcuni casi, come nella gara di Le Mans, in Francia, i piloti corrono a piedi verso la moto e partono spingendola a mano. Per determinare la griglia di partenza, si svolgono alcune prove cronometrate il giorno prima della gara. Il sidecar è una specialità in cui si utilizzano motociclette molto particolari, dotate di un carrozzino che ospita il secondo pilota al quale è affidato il compito di mantenere il giusto assetto del mezzo. Le classi del sidecar sono la 350 cc, la 500 cc e la 1300 cc. 3. GARE FUORISTRADA  Il fuoristrada viene praticato al di fuori dei tradizionali circuiti e comprende tre specialità: il motocross, il trial e l'enduro. Il motocross si pratica su un percorso sterrato, all'interno di un circuito recintato in ambiente naturale, nel quale sono presenti delle zone particolarmente insidiose con salti, avvallamenti, sabbia, fango, collinette. Le gare di motocross, che comprendono anche i sidecar, vengono suddivise sulla base della cilindrata delle moto: 125, 250 e 500 cc. Le lunghezze dei circuiti variano da 1600 a 4800 m; vince il concorrente che arriva per primo al traguardo dopo aver percorso un certo numero di giri, oppure chi si trovi in testa allo scadere di un tempo limite. Tutti i concorrenti sono dotati di un particolare equipaggiamento che consiste di un casco, pantaloni imbottiti, stivali protettivi e guanti. Il trial si pratica in un ambiente naturale, dove l'atleta deve superare vari ostacoli, rappresentati da massi, tronchi, ruscelli. Le gare, a tempo e con partenza scaglionata, si svolgono nelle seguenti classi: 50 cc, 125 cc, 250 cc. L'obiettivo è impiegare il minor tempo possibile per completare il percorso, superando gli ostacoli senza fermarsi, senza mettere i piedi a terra, senza cadere e senza far spegnere la moto. L'enduro è una corsa in linea su strade sterrate in cui vince il pilota che percorre il tragitto previsto nel minor tempo possibile. Le gare sono a tempo e con partenza scaglionata, durano anche più di sei ore e sono suddivise nelle seguenti classi: 80 cc, 125 cc, 250 cc, fino a 400 cc e oltre i 400 cc. Tra le gare di enduro ricordiamo i rally,