Società del 600-700

Appunto inviato da eryck
/5

riassunto dell'evoluzione della società e del lavoro sia agricolo che civile con approfondimenti su le classi sociali (3 pagine formato doc)

SOCIETA' DEL 600-700 - Nella storia degli stati europei tra il XVI e il XVIII sec.

si evidenzia attraverso molteplici documenti una lenta ma graduale trasformazione (+ nel 700) del mondo agricolo del mondo dei commerci e degli ordini (caste ceti, stati); ma non ancora definibili come classi in quanto erano gruppi eterogenei non capaci d'individuare nemici o alleati o di richiedere riforme sociali e progetti economici. Mondo agricolo: -I grandi proprietari (nobili).
-I grandi affittuari (borghesi che pur essendo tali aspirano a diventare `gentleman').

Leggi anche Economia e società nell'Europa del 700

SOCIETA' DI ANTICO REGIME - Impiegano i capitali per rinvigorire la produzione agraria - 1)introduzione di nuove semine: patata pomodoro erba medica + abolizione del maggese [+ in Inghilterra(GB) e - in Francia(FR) ] - 2)semina di piante che,alternandosi negli anni, assorbono il nutrimento del terreno a diverso livello di profondità, non impoverendolo e permettendo la coltivazione anziché il `'vaine pature'' ossia il libero pascolo di tutto il bestiame di tutti, sul terreno vuoto di messi.-3)il dissodamento di zone incolte o la bonifica di paludi in GB. Assegnate dai proprietari ai contadini gratis x 5 anni, e poi con altre agevolazioni fino alla fine della loro vita.-4)uso di nuovi fertilizzanti e di macchine x seminare e x sgranare.-5) creazione di fabbriche per trasformare i prodotti agricoli raccolti,di fattorie x il bestiame. Marshall scrive anche di''incentivi'' e `'premi''ai contadini e di canali d'irrigazione fatti dallo Stato. Ordini, caste, ceto, stato, ma non ancora `'classi'', l'aumento demografico e lo sviluppo dell'agricoltura e del commercio determinarono un nuovo assetto sociale + stratificato e complesso negli stati Europei.

Leggi anche Seicento e settecento in Europa

CARATTERISTICHE DEL 600 - Esaminando la gerarchia sociale dell'”ancien regime” (clero, nobiltà, 3° stato) vediamo che ad accomunare i membri i di uno stesso ceto sono le consuetudini di vita, la nascita, i privilegi giudiziari e fiscali ma non la ricchezza, che x i nobili ha la sua base nella proprietà terriera che tanto viene difesa con il diritto di I° “primogenitura”e il “fedecommesso. Ma sempre +,col passare del tempo, il ricco borghese imitando lo stile di vita del gentleman o attraverso matrimonio tende ad essere + vicino al ceto dei nobili di quanto non lo sia un nobile senza denaro.nonostante la gentry, che s'identificava con “Landed interest”disprezzasse il “moneyed” la società si rimodellava secondo il detto ” che conta + chi + possiede”.

Leggi anche Agricoltura e sviluppo nel 700: riassunto

ILLUMINISMO - Nel 3° stato, escludendo i proletari e i contadini che formeranno il 4° stato, si possono individuare molti strati socioeconomici: Alta borghesia : 1) i grandi commercianti, i banchieri e manifatturieri;2) funzionari dello stato ed intendenti;3) coloro che vivono di rendita; 4) i professionisti. Piccola e media borghesia: 1)piccoli proprietari;-2) piccoli commercianti;-3)artigiani in proprio.