Dalle origini di Roma alle Guerre puniche: riassunto

Appunto inviato da anziasa
/5

Dalle origni di Roma alle Guerre puniche: l'Italia nell'antichità, gli Etruschi, la Roma dei tarquini, la nascita della Repubblica, lo scontro tra patrizi e plebei, lo scontro con Cartagine, l'antica religione romana (12 pagine formato doc)

DALLE ORIGINI DI ROMA ALLE GUERRE PUNICHE: RIASSUNTO

L'Italia fu soggetta a migrazioni da parte di numerosi e differenti gruppi in un arco di tempo molto lungo, per cui ricostruire i loro movimenti è molto difficile.

Gli studi degli archeologi hanno dimostrato che i primi gruppi occuparono l'Italia meridionale nel Neolitico tra il 5° e il 3° millennio. Queste popolazioni formarono degli insediamenti stabili e praticavano l'artigianato e l'agricoltura. Anche se non sappiamo che lingua parlassero, quasi sicuramente non erano di origine indoeuropea, perché i primi popoli indoeuropei, i così detti Popoli del Mare, arrivarono in Italia dal 2000ac nel meridione spostandosi poi anche a Nord. Da questi si sviluppò il popolo dei Latini; gli Osco-Umbri(in Italia centrale) i Messapi (in Puglia) e la civiltà dei Nuraghi in Sardegna.
Tra il 1100 e il 900circa in Italia centrale si sviluppò una civiltà, i Villanoviani che praticavano l'incinerazione dei defunti, cioè bruciavano i loro defunti invece di seppellirli. A partire dal 750ac sulla stessa area si sviluppò il popolo dei Tirreni che i Romani chiamarono Etruschi.

Storia di Roma antica: riassunto

LE ORIGINI DI ROMA: RIASSUNTO

Gli Etruschi
Gli Etruschi sono la più importante popolazione dell'Italia preromana. Svilupatisi in Toscana e nell'Italia Centrale, non diedero mai vita ad uno Stato unitario, ma si organizzarono in città indipendenti governate da sovrani, che furono poi sostituiti da magistrati eletti annualmente. L'unica forma di aggregazione delle comunità etrusche che ci sia nota aveva scopi religiosi. La società etrusca di distinse per un carattere aristocratico: il governo delle città era nelle mani di un gruppo ristretto di proprietari terrieri e di ricchi commercianti. La decadenza etrusca ebbe inizio con due eventi che si verificarono all'inizio del IV secolo a.C.:la presa di Veio, avvenuta per opera dei Romani, nel 396 a.C.; la perdita dei possedimenti nella val Padana, caduti in mano dei Celti, originari dell'Europa centrale. Nel corso del III secolo a.C., l'Etruria passò progressivamente in mano romana