Papa Gregorio VII: biografia

Appunto inviato da siriogf
/5

Breve biografia di Gregorio VII, il 157º papa dal 1073 alla morte (1 pagine formato doc)

PAPA GREGORIO VII: BIOGRAFIA

Gregorio VII, papa, santo Ilbebrando di Soana.

Gregorio VII, papa, santo. Nato in Toscana da modesta famiglia nel 1020 ca. e di nome Ildebrando, si recò da giovane a Roma dove fu iniziato agli studi canonici. Divenne poi amico di Gregorio VI, il quale lo condusse con sé a Colonia, durante il periodo del suo esilio. Nel 1047, dopo la morte di Gregorio VI, trascorse probabilmente due anni nell'abbazia di Cluny. Ritornato a Roma, ebbe per l'appoggio di Leone IX importanti incarichi.
Nel 1059, quando Leone era morto, divenne arcidiacono. Da quest'anno fu una delle persone più influenti della corte pontificia. Dopo la morte di Alessandro II, il popolo e il clero di Roma lo acclamarono papa e l'imperatore Enrico IV ratificò l'elezione.
All'epoca di Gregorio la Chiesa era minacciata da una grave crisi interna dovuta al disordine e alla corruzione del clero ed alle investiture laiche concesse agli ecclesiastici che disgregavano l'unità stessa della Chiesa. Contro la corruzione si erano da tempo levate voci perché si procedesse ad una generale riforma della Chiesa.

Papa Gregorio VII e la sua riforma: riassunto

PAPA GREGORIO VII: BIOGRAFIA BREVE

Gregorio VII si preparò ad affrontare tali problemi con grande tenacia e decisione, ma questo, e particolarmente la questione delle investiture (v.), lo coinvolse in una grande lotta con Enrico IV. Scomunicato, l'imperatore si presentò a Canossa a piedi nudi, vestito del saio del penitente, per chiedere a Gregorio VII l'assoluzione. Quando però l'ebbe ottenuta e ebbe superato le difficoltà da cui in Germania il suo potere imperiale era stato messo in crisi, tornò ancora contro Gregorio VII, che assediato in Castel Sant'Angelo venne salvato dai Normanni di Roberto il Guiscardo, i quali lo condussero a Salerno dove morì  pronunciando le tanto amare quanto celebri parole “Intensamente amai la giustizia e odia l’iniquità:muoio perciò in esilio”. Gregorio VII è stato uno dei più grandi papi della Chiesa, colui che più ne ha rafforzato l'organizzazione interna e ne ha sostenuto un potere indipendente dallo stato.