Il primo dopoguerra e i trattati di pace

Appunto inviato da ribellina818
/5

Breve descrizione dei trattati di pace stipulati con la fine della prima guerra mondiale (2 pagine formato doc)

PRIMO DOPOGUERRA E I TRATTATI DI PACE

Il primo Dopoguerra e i vari trattati di pace.

Nel 1919 si apre la conferenza di Parigi fra i paesi vincitori: Gran Bretagna, Francia, Italia e Usa. Questa conferenza doveva attribuire ad ogni nazione dei territori in modo tale da poterli spartire in modo equo. A questa conferenza dovevano essere presenti i rappresentanti degli stati vinti ossia Wilson (ministro degli Usa), George (primo ministro inglese), Clemenceau (primo ministro francese) e Emanuele Orlando (presidente del consiglio italiano). Il primo ministro americano stabilì il principio dell’autodeterminazione dei popoli, ossia ogni popolo poteva scegliere a chi sottostare, inoltre voleva salvaguardare la pace tra le nazioni.
Clemenceau voleva ridurre i possedimenti della Germania in modo tale da umiliarla in quanto erano stati proprio i tedeschi a causare l’inizio della prima guerra mondiale. Tra il 28 giungo del 1919 e il 1920 furono stilati diversi trattati, qui in seguito sono riportati i patti più importanti con i vari punti salienti.

TRATTATO DI VERSAILLES, CONSEGUENZE

TRATTATO DI VERSAILLES. Fu firmato il 28 giugno 1919, riguardava la Germania e prevedeva la restituzione dell’Alsazia e della Lorena alla Francia. Il bacino carbonifero della Saar venne affidato ai francesi. Le zone polacche della bassa Vistola (eccetto Danzica) vennero cedute al nuovo stato polacco. Le colonie tedesche vennero ripartire tra Francia, Gran Bretagna e  Giappone. All’Italia non venne affidato alcun territorio e questo ha comportato la violazione dell’articolo 13 del patto segreto di Londra. L’esercito tedesco fu ridotto a 100 000 uomini. La Germania dovette pagare una somma elevata come risarcimento per i danni provocati durante la guerra. Questo risarcimento doveva concludersi entro 30 anni. Questi avvenimenti presero il nome di ripartizioni di guerra.

I trattati di pace dopo la prima guerra mondiale: schema

TRATTATI DI PACE DOPO LA PRIMA GUERRA MONDIALE

TRATTO DI SAINT GERMAIN
Fu firmato il 10 settembre 1919 e dettava le condizioni di pace all’ Austria. Dalla distruzione dell’impero Austro Ungarico nascono tre nuovi stati: Ungheria, la Cecoslovacchia e la Iugoslavia. All’Austria fu negata la possibilità di unirsi politicamente alla Germania. Inoltre il trattato prevedeva che l’ Austria doveva cedere alla Polonia i seguenti territori: la Galizia, la Romania e la Transilvania e all’Italia: il Trentino, l’Alto Adige, Trieste e Istria (escluso Fiume e una parte della Dalmazia).
TRATTATO DI NEVILLY
Fu firmato il 27 novembre del 1919, riguardava le condizioni imposte alla Bulgaria. Quest’ ultima perse lo sbocco nel mar Egeo, la Traccia venne ceduta alla Grecia, la Macedonia alla Iugoslavia e la Dogrugia alla Romania.
TRATTO DI SEVRES
Fu firmato 11 aprile del 1920, riguardava le condizioni imposte all’ impero turco. Molti dei loro territori vennero affidati in amministrazione, tramite un mandato e all’Inghilterra diedero l’Iraq, la Palestina e la Transgiordania. Alla Francia diedero la Siria e il Libano.