I regni romano-germanici: riassunto

Appunto inviato da gladiatus94
/5

Note ben organizzate ed esaustive su vandali, ostrogoti, goti e franchi (2 pagine formato doc)

I regni romano-germanici: riassunto - I Goti: I popoli che all'epoca delle grandi migrazioni si spostavano da oriente verso occidente erano molto diversi gli uni dagli altri.

I goti erano una delle tribù germaniche orientali. A ondate successive sbarcarono sulle coste del Mar Baltico e si stabilirono prima nell'attuale Polonia, poi si diressero a sud. Furono a più riprese nemici di vari imperatori, ma a volte anche loro alleati contro altre popolazione barbariche.

Leggi anche Riassunto sul Sacro Romano Impero Germanico

I goti si divisero poi in VISIGOTI (ramo occidentale) e OSTROGOTI (ramo orientale). Nel IV e nel V secolo furono spinti a occidente dagli unni e a partire dal V secolo fondarono diversi regni romano-germanici: i più importanti furono quello dei visigoti, corrispondente grosso modo all'attuale Spagna, e il regno degli ostrogoti, che comprendeva l'Italia.

Leggi anche Riassunto sui Regni romano-barbarici

I goti erano guerrieri temutissimi, i prigionieri catturati in battaglia venivano sacrificati a Tyr, il dio della guerra.
I capi e i sacerdoti goti provenivano da un'aristocrazia separata dal resto del popolo. Gli antichi re erano venerati come dei, ma solo dopo la loro morte, fino a che era in vita, il re era una figura poco al di sopra della casta dei guerrieri

Leggi anche Schema sui regni romano-barbarici

Gli Ostrogoti: Quando si stabilirono in Occidente, i goti erano già da decenni a contatto con i popoli dell'impero, dai quali avevano appreso molte usanze, a volte i loro capi erano cresciuti nelle corti romane, come l'ostrogoto TEODORICO (454-526), che da quella di Costantinopoli aveva assorbito gli ideali della classicità. Il termine barbari con cui sono spesso designati gli ostrogoti non si riferisce alle loro usanze e costumi, ma solo una differenza dagli altri regni.