Olanda del seicento: riassunto

Appunto inviato da ceccodario
/5

Riassunto della storia dell'Olanda del 600: Europa nel 600, le Sette Province olandesi, economia e politica dell'Olanda del seicento, libertà, religione e cultura, ebrei ad Amsterdam, Olanda durante le guerre, politica nelle Province Unite durante le guerre e Baruch Spinoza (5 pagine formato pdf)

OLANDA SEICENTO

L'Olanda del Seicento. 1.

L'Europa nel Seicento. Da un punto di vista economico è discusso nella storiografia se il Seicento in Europa sia stato un secolo di crisi o meno. In ogni caso, in alcuni paesi sembra essersi arrestata dopo il 1620 la forte crescita capitalistica e democrafica post espansioni geografiche. Sotto il profilo democrafico tra il 1620-1650 (sopratutto per l'area germanica e i paesi mediterranei) si esaurisce la fase di crescita iniziata con il 1450; sempre in quegli anni si assiste all'arresto della crescita dei prezzi del 1500 (ma forse questo è dovuto all'aumento della domanda), si verifica una diminuzione della produzione delle manifatture tessili fiamminghe e italiane, nelle zone mediterranee (Spagna e sud Italia) si assiste ad una sorta di rifeudalizzazione dei territori che
ritornano in mano ai grandi proprietari. Le cause principali di tale calo economico risiedono:
(A) nelle guerre di religione,
(B) nelle numerose pestilenze (terribile fu quella del 1663) e carestie
che falcidiarono il continente e
(C) in una piccola glaciazione a metà secolo.

Guerra dei trent'anni: riassunto, cause e combattenti

STORIA DELL'OLANDA IN BREVE

Più che di “crisi europea” si può parlare quindi di una redistribuzione delle ricchezze a scapito degli stati protagonisti delle scoperte geografiche (Spagna e Portogallo) e dell'area tedesca (causa guerre di religione), in favore dei sempre più prosperi paesi settentrionali (Inghilterra e Paesi Bassi).

Gli Iberici, a causa della loro mentalità nobiliare e della scarsa organizzazione burocratica dei propri stati, non ebbero la giusta capacità capitalistica di investimento e
sperperarono così le ingenti ricchezze pervenute dallo sfruttamento delle Americhe. Al contrario, gli Inglesi e le Province Unite d'Olanda mostrarono ottime organizzazioni marittime commerciali che permisero loro di ritagliarsi una propria parte di colonie americane e di diventare i paesi cardine dell'economia mondiale. 

Inghilterra e Olanda nel 600: riassunto

INGHILTERRA E OLANDA NEL 600

Da un punto di vista politico il Seicento è il secolo del consolidamento dei moderni stati europei: il sogno di un nuovo “impero universale” viene definitivamente abbandonato con gli esiti delle guerre di religione (Guerra dei Trent'anni su tutte) che causano inconciliabili fratture
fra Paesi Bassi e Spagna, Portogallo e Spagna, nord e sud dell'Impero Germanico, Svezia,
Danimarca e Russia.
Da sottolineare infine come il XVII sia stato il secolo della nascita della scienza moderna: appartengono al Seicento le prime scoperte di Galileo (1564-1642), Descartes (1596-1650), Keplero (1571-1630), Bacone (1561-1626).

La rivolta delle Fiandre e la nascita della Repubblica delle Sette Province Unite: tema svolto

LE SETTE PROVINCE OLANDESI

2. I Paesi Bassi dall'indipendenza all'apogeo
- estate 1566: ribellione dei calvinisti ad Anversa
- 1567: il Duca d'Alba inviato dall'imperatore Filippo reprime l'opposizione
- 1572: Guglielmo I d'Orange con una flotta sconfigge le forze imperiali e si fa proclamare Statolder delle province d'Olanda e Zelanda
- 1579: dopo alcuni accordi politici, scissione definitiva dei Paesi Bassi: le province meridionali (l'attuale Belgio) tornano all'Impero, le settentrionali continuano la loro lotta
- 1606: i navigatori Olandesi raggiungono per primi l'Australia
- 1609: la Spagna riconosce l'indipendenza delle Province (tregua dei dodici anni)
- 1640-1655: espansioni geografiche delle Province; conquista di Ceylon, Giava e Molucche in Asia, territorio del Capo in sud Africa, nel 1542 scoprirono la Nuova Zelanda, fino al 1654 si installarono sulle coste del Brasile, fino al 1664 a Nuova Amsterdam (attuale New York).
Le cause della scissione delle Province olandesi dall'impero spagnolo sono molteplici:
• fattore religioso – i Paesi Bassi, terreno fertile per la diffusione delle Chiese riformate magisteriali e radicali, soffrivano la dura repressione di Filippo II, strenuo difensore del cattolicesimo.
• Fattore politico – il governo del cardinale Granvelle (che tra l'altro rafforzò l'Inquisizione in Olanda) dava scarso peso alle autonomie cittadine e alle nobili famiglie locali.
• Fattore economico – una forte crisi economica, causata dalla cattiva politica spagnola, colpì le città dei Paesi Bassi (Anversa su tutte) negli anni '60 del XVI secolo.