Riassunto della Rivoluzione russa di febbraio

Appunto inviato da gabba96
/5

Breve riassunto sulle cause della Rivoluzione russa di febbraio (2 pagine formato doc)

RIVOLUZIONE RUSSA FEBBRAIO

Rivoluzione russa di febbraio.

Le premesse: le tesi di Marx e Lenin:
La rivoluzione bolscevica, iniziata a Pietrogrado con l'assalto al Palazzo d'inverno nell'ottobre del 17 fu una delle più importanti conseguenze della grande guerra.
- Marx: egli aveva legato la rivoluzione allo sviluppo economico creato dal capitalismo, e una volta che questo sviluppo avrebbe raggiunto il suo massimo livello, la classe operaia avrebbe usato la forza per conquistare il potere.
Nel corso del conflitto Lenin aveva revisionato il pensiero di marx introducendo nel marxismo l'imperialismo. Marx sosteneva che la rivoluzione sarebbe scoppiata in Europa, invece Lenin che sarebbe scoppiata in un punto debole del sistema imperialista.

- Secondo Lenin: il capitalismo, trasformatosi in imperialismo, aveva avvolto il mondo in una catena e quindi se una rivoluzione avesse spezzato uno dei suoi anelli avrebbe liberato il mondo dal capitalismo.
Grazie a Lenin i socialisti in Europa si riunirono in Svizzera dove dove le tesi di Lenin sul porre fine al conflitto attraverso la rivoluzione erano risultate maggioritarie.

Rivoluzione russa e socialismo: riassunto

RIVOLUZIONE DI FEBBRAIO: CAUSE

L'inizio del movimento rivoluzionario:
Allo scoppio della guerra la corte zarista era sotto il potere di Rasputin. Durante la guerra egli riuscì ad intervenire nelle decisioni di governo. Nel 1916 fu ucciso.
Il disonore in cui era caduto lo zarismo e il forte malcontento per la guerra diedero vita nel 1917 al movimento rivoluzionario.
Il movimento iniziò grazie agli operai che scioperarono, di seguito altre classi scioperarono dando vita così ad uno sciopero generale che diede vita a grandi manifestazioni di massa.
Il carattere delle manifestazioni non era socialista perché Lenin era stato esiliato, i dimostranti richiedevano una democrazia parlamentare in cui la Duma avesse poteri effettivi → lo zar rifiutò la richiesta e schierò le forze armate contro i manifestanti. Furono di seguito distribuite armi a operai e contadini.

Rivoluzione russa 1917: riassunto

RIVOLUZIONE DI FEBBRAIO: SINTESI

La rivoluzione di febbraio e la nascita della repubblica:
L'8 marzo scoppiò la rivoluzione chiamata di febbraio (perché quel giorno nel calendario russo corrispondeva al 23 febbraio).
I rivoluzionari si impadronirono di Pietrogrado, il governo quindi ordinò lo scioglimento della Duma → i deputati rifiutarono di sciogliersi.
Il movimento rivoluzionario era guidato dai Soviet, un comitato in cui erano presenti operai e soldati, le due forze che avevano dato inizio alla rivolta.
Era imminente lo scoppio di una rivoluzione che avrebbe coinvolto anche l'esercito e quindi la Russia sarebbe dovuta uscire dalla guerra terminandola, perché non si poteva combattere una guerra se nelle retrovie del Paese stava scoppiando una rivoluzione. Per evitare il crollo del fronte Nicola II abdicò in favore del fratello, il granduca Michele in tentativo di mantenere in vita la monarchia. Michele rifiutò di salire al trono e il Soviet ordinò l'arresto di Nicola II e della Zarina Alessandra, ponendo così fine all'impero dei Romanov e trasformando la Russia in repubblica.
Si formò un governo provvisorio sostenuto dalla duma, il soviet non volle entrarvi quindi il principe Gregorji L'vov decise la convocazione di un assemblea costituente.

Rivoluzione russa: riassunto

RIVOLUZIONE RUSSA 1917: RIASSUNTO

Il programma di Lenin:
Il ritorno di Lenin in Russia movimentò la situazione. Egli pose la questione di alleanza tra operai e contadini poveri. Nei termini posti da Lenin si trattava di una questione nuova per i marxisti, infatti Marx e Engels non avevano creduto che i contadini potessero costruire una classe rivoluzionaria, rifiutando proprio l'idea che essi appartengano ad una classe. Lenin comprese invece, che, in un paese come la Russia dove i contadini rappresentavano la maggioranza, era bene che fossero alleati degli operai per dar vita ad una rivoluzione socialista.
Lenin presentò il suo programma nelle:
- Tesi di Aprile: chiese che il proletariato conquistasse tutto il potere e ponesse fine alla guerra.
All'interno del Soviet però i menscevichi e i socialrivoluzionari non erano d'accordo con Lenin e a maggio entrarono nel governo, disposti a mettere un freno alle rivendicazioni dei contadini.