La Russia agli inizi del Ventesimo secolo

Appunto inviato da cicoria84
/5

Schema dei conflitti interni ed esterni che sconvolsero la Russia agli inizi del 20°secolo. (6pg. file.doc) (0 pagine formato doc)

1905 1905 Guerra Russia-Giappone La Russia perde Rivolta popolare Domenica di sangue OTTOBRE Viene creato il primo SOVIET Lo zar concede la prima DUMA 1915 Con l'inizio della I Guerra Mondiale, c'è più crisi Produzione di grano Scorte alimentari + Prezzi + Scioperi Potere allo Zar 1917 Rivolta degli operai e dell'esercito per la scarsità di cibo INIZIO DELLA RIVOLUZIONE DI Lo Zar è costretto ad abdicare FEBBRAIO Governo provvisorio (appoggiato dai borghesi) Voleva continuare la guerra (Menscevichi) Soviet (Bolscevichi) Voleva la pace Torna Lenin dal suo esilio Guida la rivoluzione dei Bolscevichi Una forza militare: LA GUARDIA ROSSA Governo provvisorio Impotente INIZIO DELLA RIVOLUZIONE Guardia Rossa D'OTTOBRE Palazzo d'inverno Occupa tutti i punti strategici di Pietrogrado Formazione del Soviet dei commissari del popolo nel Palazzo d'inverno Con due provvedimenti Fabbriche alla gestione operaia e abolizione della proprietà della terra Pace (Uscita dalla G.M.) NOVEMBRE elezioni x l'assemblea costituente Bolscevichi ottengono la minoranza dei voti Ma Lenin non crede nella democrazia parlamentare impone la dittatura del proletariato pensando ad una durata minima PRIMAVERA 1918 Guerra civile Generali fedeli allo Zar formano le ARMATE BIANCHE contro il nuovo stato comunista Sostenuti dagli europei Intanto Lenin per difendersi forma L'ARMATA ROSSA Comandata da LEV TROTZKIJ Reprime i suoi oppositori Formazione della polizia politica CEKA I contadini si schierano dalla parte dei bolscevichi per paura di perdere i terreni appena ottenuti ESTATE 1920 Vittoria dell'Armata Rossa 1922 Nasce l'URSS DOPOGUERRA Condizioni economiche disastrose I contadini sono costretti a cedere tutto l'inutile Alcuni si opponevano crisi produzione agricola ed industriale 1921 Lenin fa il piano della Nuova politica industriale NEP I contadini danno allo Stato parte del raccolto e sono autorizzati a coltivare per se stessi ed a vendere i propri prodotti.
Lo stato tiene il controllo delle fabbriche con dipendenti superiori ai 20.
+ prodotti agricoli Lenin muore Stalin: per far realizzare la rivoluzione bisogna tenerla nei confini russi Trotzkij: la rivoluzione deve espandersi (permanente) VINCE STALIN E TROTZKIJ VIENE ESPATRIATO E POI UCCISO NEL 1940 PER ORDINE DI STALIN 1927 Stalin vuol industrializzare l'Unione Sovietica in poco tempo I piano quinquennale nel 928 costruzione fabbriche con operai qualificati si raggiungono livelli altissimi città più popolose reddito più alto l'Unione Sovietica diventa una potenza industriale I contadini vengono messi nelle aziende collettive i ribelli vengono uccisi i kulaki si oppongono a Stalin che risponde con la violenza NELLE CAMPAGNE guerra civile i kulaki uccisi o portati nei campi di lavoro forzato ANNI `30 Lo stato controlla tutte le campagne, il popolo russo non è più libero