Storia di Mazzini: riassunto

Appunto inviato da valillo94
/5

La storia di Giuseppe Mazzini: riassunto. La vita, il pensiero, le opere e le attività politiche del patriota e giornalista italiano (4 pagine formato doc)

GIUSEPPE MAZZINI: RIASSUNTO

Giuseppe Mazzini.
Intorno agli anni 30 si sviluppano dei movimenti politici tra cui quello Mazziniano; • (Craxi lo citò parlando delle Brigate Rosse, ovvero l’estrema sinistra, dicendo che l’operato era orribile ma lo scopo era positivo).
• Mazzini era Repubblicano e non gli fu dedicata nessuna piazza perché era contro la Monarchia.
VITA. Nacque a Genova nel 1805 da una famiglia della borghesia medio-alta; fin da quando era ragazzo si era avvicinato alle idee democratiche e patriottiche e aveva svolto anche il lavoro di pubblicista su alcuni periodici letterari di orientamento romantico.
Nel 1827 aveva aderito alla Carboneria. Fu arrestato nel 1830 dopo una segnalazione e mandato in esilio in Francia.
Lui faceva parte della Carboneria, che era segreta e mancava di troppa chiarezza; da carbonaro fu condannato all’esilio in Francia e Svizzera dove incontrò anche Bianco di Saint Jorioz che aveva teorizzato la guerra per bande, sistema offensivo-difensivo di coloro che non dispongono di un esercito. Fanno attentati, bombe, rappresaglie.
 

GIUSEPPE MAZZINI: PENSIERO E AZIONE

Religiosità romantica. Anche lui era un esponente del momento romantico ma aveva anche una forte componente religiosa. Il motto era “Dio è popolo,pensiero ed azione”. Lui riteneva che la formazione religiosa non era la partecipazione attiva in Chiesa ma Dio aveva il compito di rendere le persone libere. Mazzini credeva nel principio di associazione; al di sopra dell’individuo c’era la famiglia, poi la nazione e poi l’umanità; le nazioni dovevano unirsi per cooperare al bene comune.
“Pensiero ed azione” era l’altro motto del movimento perché secondo loro bisognava agire subito. Mazzini si affidava soprattutto ai giovani perché secondo lui sono pieni di entusiasmo. Fu accusato anche da Cavour di aver usato la tattica del pugnale, ovvero di terrorismo.
 

Giuseppe Mazzini: riassunto della vita e del pensiero politico

GIUSEPPE MAZZINI E LA GIOVINE ITALIA

Programma politico e Giovine Italia. La nazione era intesa come entità culturale e spirituale ma era anche il punto di partenza attraverso cui si sarebbe realizzata un’umanità libera e affratellata. Il suo programma politico era molto chiaro, per lui ci doveva essere Indipendenza, Unità e Repubblica. Rifiutava ogni tipo di soluzione federalista; per giungere all’unità c’era solo una soluzione che era l’insurrezione di popolo ma senza distinzioni di classe.
In Francia nell’estate del 31 nacque una nuova organizzazione, la Giovine Italia, che come simbolo aveva il tricolore.
Nell’aprile del 1833 fu scoperta una congiura in Piemonte dove era riunita la Giovine Italia, vi furono molto arresti e alcune condanne a morte mentre altri patrioti dovettero andare all’estero.
Nel febbraio 1834 venne bloccato un progetto di arrivare nel territorio dei Savoia passando dalla Svizzera. Ebbe una parte attiva anche Giuseppe Garibaldi che aveva solo 25 anni a Nizza sfuggì alla condanna a morte.