Storia primi '900

Appunto inviato da nessa85
/5

economia nei paesi industrializzati agli inizi del’900; i principali stati europei agli inizi del ‘900; situazione internazionale, fuori dell’europa all’inizio ‘900; l’Italia nell’età giolittiana. (6 pagine formato doc)

L'ECONOMIA NEI PAESI INDUSTRIALIZZATI AGLI INIZI DEL `900 L'ECONOMIA NEI PAESI INDUSTRIALIZZATI AGLI INIZI DEL'900 L'Economia agli inizi del `900 Dopo aver superato la grande depressione, l'aumento dei prezzi e il miglioramento dei profitti incoraggiarono l'aumento degli investimenti.
Si ha quindi n clima d'ottimismo e di fiducia, chiamati anni della Belle Epoque che durerà fino agli inizi della prima guerra mondiale. L'economia mondiale continua ad essere dominata dai paesi industrializzati: Gran Bretagna, Francia,Germania, Stati Uniti ma anche dal Giappone, Russia, Italia, Svezia e Olanda. La Gran Bretagna però presentava un relativo declino che era sempre più sopravanzata, nonostante questo però aveva ancora un'intatta egemonia finanziaria che fu mantenuta grazie alle capacità acquisite dai finanzieri inglesi e grazie alle relazioni che avevano stretto intorno al globo e soprattutto al sistema de Gold Standard che assicurò la possibilità di controllare e intervenire sulle finanze degli altri Stati, un compito troppo grande rispetto alle capacita vere.
La Gran Bretagna riuscì ad uscire dalla grande depressione grazie alla scoperta di nuovi giacimenti d'oro in Canada e nel Sud Africa. La nuova Fase Economica L'economia già negli ultimi anni del `800 si basava sulla concentrazione produttiva e finanziaria, intreccio tra industria e finanza, integrazione tra produzione industriale, scienza e tecnologia, esportazione di capitali e in vestimenti all'estero. Le novità riguardavano la ripresa del commercio e l'amento della domanda di beni industriali. La Crescita Dei Consumi Di Massa Molto importante fu la crescita dei consumi sostenuta dall'innalzamento del reddito della popolazione nei paesi industrializzati. Negli USA ci furono le prime manifestazioni della società dei consumi. Le nuove tecnologie misero sul mercato beni a prezzi più bassi. Si diffuse l'industria pubblicitaria rivolta alle masse dei nuovi acquirenti, la possibilità di pagare a rate così famiglie modeste potevano permettersi di comprare beni costosi. Molto importante fu l'invenzione dell'automobile Il Taylorismo Grazie all'invenzione dell'auto seguirono delle importanti innovazioni. L'ingegnere Frederick Taylor, in un libro intitolato “Scientific Management” suggerì di dividere il processo produttivo in operazioni più semplici da compiersi in un determinato tempo così gli operai svolgevano un'unica operazione. La sua prima applicazione fu nelle catene di montaggio degli stabilimenti automobilistici Henry Ford a Detroit. Di conseguenza si sviluppa l'industria chimica della gomma. John Dunlop brevettò il primo pneumatico. Le Nuove Scoperte Nell'industria meccanica: -macchine per cucire, - biciclette. Si sviluppo anche l'industria cinematografica grazie ai fratelli Lumiere. Nel campo dell'aviazione ci furono i primi veicoli volanti a motore. Nel 1909 si volò sopra la Manica. Si sviluppa anche la medicina, la farmacia, la genetica, lo studio atmosferico, la matematica e l'a