Tappe dell'espansione romana in Italia: riassunto

Appunto inviato da kirhara
/5

Espanzione di Roma: riassunto dettagliato sulle principali tappe (3 pagine formato doc)

TAPPE DELL'ESPANSIONE ROMANA IN ITALIA: RIASSUNTO

Espansione romana nella penisola italica.

Introduzione. Roma è nata come villaggio sulla riva sinistra del Tevere, come dicono alcuni una sorta di luogo di reclusione per galeotti, situata in un’area paludosa e malsana, ma nonostante tutto cio’ è riuscita comunque ad imporsi al mondo intero.Prima di arrivare a tanto ha pero’ dovuto unificare sotto il proprio dominio l’intera penisola italica, a quel tempo dominata da moltissime popolazioni locali che non hanno certo contribuito al suo piano. Vediamo passo per passo le principali tappe dell’espansione in Italia della potenza romana.

Le tappe dell'espansione di Roma: riassunto

TAPPE DELL'ESPANSIONE DI ROMA

494 a.C.- BATTAGLIA DEL LAGO REGILLO- Roma è attaccata dalla lega delle città Latine alleatesi con Tarquinio il superbo che cerco’ in tutti i modi, in seguito alla sua cacciata, di tornare in città.

Anche se i romani vinsero dopo aver combattuto una dura e sanguinosa battaglia, stipularono un patto con la lega delle città Latine in cui si impegnavano a non combattere più tra di loro ma ad unirsi contro i nemici che avrebbero minacciato la comune indipendenza. Si noti che questa battaglia fu causata dai Latini e non dalle mire espansionistiche di Roma, il cui unico obiettivo in principio era quello di assestarsi nel Lazio in modo da garantire ai cittadini una più longeva indipendenza: la vera espansione più che con la battaglia si è avuta con la Foedus Cassianum,dal nome del console che la stipulo’,con la quale Roma legava a se’ tutte le citta’ del Lazio.

L'Impero romano: riassunto

ESPANSIONE ROMANA NEL MEDITERRANEO

GUERRA CONTRO I VOLSCI- i Volsci era un popolo stanziatosi anch’esso nel Lazio,spingendosi fino ai monti Albani, fondando la città di Velletri, minacciando seriamente Roma.Secondo la leggenda contro di essi ando’ Caio Marcio che espugno’ la città di Corioli e fu detto perciò Coriolano. Al suo ritorno a Roma trovò una grave carestia per questo pensò di proporre alla plebe di rinunciare ai loro tribuni, istituzioni nate da poco, in cambio di grano;ma la sua proposto non fu affatto accettata anzi egli venne mandato in esilio e non esito’, visto il rancore che aveva verso Roma, ad unirsi al nemico e ad aiutarlo. Solo la madre e la moglie riuscirono a farlo desistere dal tradire la patria, pero’ fu ucciso dai Volsci, che a loro volta vennero definitivamente assoggettati dai Romani.
406-396 a.C. – GUERRA CONTRO VEIO – anche Veio , citta’ etrusca, mise in serio pericolo l’indipendenza romana e la guerra combattuta contro di essa fu lunga e disastrosa, basti ricordare il sacrificio dei 300 Fabii presso il fiume Cremera (477 a.C.)

Storia di Roma: riassunto

LA GRANDE ESPANSIONE DI ROMA: RIASSUNTO

GUERRA CONTRO GLI  EQUI – per consolidare definitivamente non solo la propria indipendenza ma la propria egemonia sul Lazio, Roma dovette superare un ultimo ostacolo: gli Equi.). Il fatto più degno di lode durante questa guerra fu l’episodio del patrizio
Cincinnato, che aveva rinunciato a tutti gli agi della sua classe sociale di appartenenza per condurre una modesta vita agricola. Fu messo a capo dell’esercito durante la guerra e sbaragliò velocemente il nemico, ma quando tornò in patria rinunciò nuovamente ad onore e gloria, tornando a coltivare il suo orto, dando a tutti i Romani un raro esempio di modestia e di onesta’. I romani però riuscirono a sconfiggere definitivamente gli Equi sul monte Agido (431 a.C.), fondando varie colonie a scopo difensivo nelle regioni interne del Lazio.