I templari: breve ricerca

Appunto inviato da alydest
/5

Storia dei templari: breve ricerca sulla vita, abbigliamento e simboli dei membri dell'ordine militare e religioso del Tempio di Salomone (4 pagine formato doc)

I TEMPLARI: BREVE RICERCA

L’ordine del tempio di Salomone.

Chi erano i templari? I templari erano membri dell’ordine militare- religioso del Tempio di Salomone fondato nel 1119 a Gerusalemme da Ugo di Panys per la difesa dei luoghi santi e la salvaguardia dei pellegrini.
Dal 1128, dopo essere stato approvato da Onori II si diede una regola propria ispirata a quella cistercense. La struttura interna prevedeva una classe di cavalieri una di scudieri e una dei cappellani con ai vertici il gran maestro coaudiuvato da alcuni dignitari; simbolo dell’ordine era la croce rossa in campo bianco per i cavalieri, bruno per gli scudieri.
I templari nel Medioevo si distinsero per il loro valore in numerosi episodi di guerra contro gli arabi soprattutto in Terra santa (battaglia di Acri 1189, Gaza 1244, al- Mansura 1250) e partecipò inoltre a tutte le crociate.

Storia dei templari in breve

STORIA DEI TEMPLARI IN BREVE

Arricchitosi per le numerose donazioni e divenuto una potente forza finanziaria, indipendente dal regno crociato di Gerusalemme, l’ordine attirò tuttavia presto l’ostilità dei sovrani.
Filippo IV di Francia detto il bello nel 1307 chiese al papa ClementeV la soppressione dell’ordine, dando inizio ad una feroce repressione dei suoi membri attivi in Francia, spesso torturati e condannati a morte.
Nel 1312 con la bolla “Ad providam” il papa decretò ufficialmente lo scioglimento dell’ordine cui seguì la confisca di tutti i beni francesi da parte del re mentre quelli italiani vennero dispersi in ordini collaterali come quello di Malta.

Gli ordini cavallereschi: riassunto

SIMBOLI TEMPLARI

La vita dei templari. L’abbigliamento dei templari consisteva principalmente in mantelli bianchi immacolati nei quali era cucita una croce rossa che simboleggiava il loro ordine, semplici con pellicce d’agnello o di montone, erano proibite calzature ricurve e sottili come si usava a quel tempo.
Per rispettare la regola di povertà, inoltre dormivano in camicia su di un materasso con un lenzuolo e una coperta.


I pasti si svolgevano nel più rigoroso silenzio con una stessa scodella per due persone; la carne era concessa tre volte alla settimana e il venerdì si rispettava la penitenza.
La sveglia era all’alba e se il lavoro era stato faticoso veniva concessa un’ora di sonno in più, ma in cambio bisognava recitare tredici Padre Nostro a letto. Ogni cavaliere possedeva tre cavalli, e uno scudiero, ma nessuna decorazione di lusso per briglie, sella e speroni possedeva inoltre armi semplici ma molto efficaci.
La regola prevedeva inoltre il divieto della caccia tranne per il leone.
I templari dovevano rispettare la regola di castità che era molto rigida ma che nella maggiorparte dei casi non era rispettata.
Essi non dovevano inoltre mostrare particolare cura per il loro aspetto che spesso era trasandato poiché secondo la regola bisognava avere più cura dell’anima che del corpo. Templari infatti non avevano paura di morire, la prospettiva di combattere nel nome di Dio significava certezza assoluta di raggiungere il Paradiso.