La valle dei Re e delle Regine

Appunto inviato da nappy
/5

Breve descrizione della Valle dei Re che sorge intorno alla tomba di Tutankhamon. (documento doc 1pag.) (0 pagine formato doc)

L'Europa dopo il 1848 La valle dei re e delle Regine I faraoni del Nuovo Regno si fecero seppellire in un'arida valle rocciosa dominata da una montagna a forma di piramide, chiamata “La Cima”: L'ingresso alle tombe sotterranee della Valle dei Re è segnato da un corridoio di accesso sul fianco delle colline.

Numerose sono le tombe intorno al sepolcro di Tutankhamon, tutte riccamente decorate, ma non si possono visitare, alcune sono in parte sprofondate - come quella di Ramsete II - o in attesa di restauri - come la splendida camera funeraria di Sethi I. Per prima si incontra la tomba di Ramsete X, accanto a quella di Sethi I e di Ramsete I.
Proseguendo sulla stessa via, arriviamo all'ingresso della tomba di Amonnesse e più avanti a quello del sepolcro di Ramsete III, che mostra su entrambi i lati dell'entrata le sculture che rappresentano il volto della Dea Hathor. La Tomba di Tutankhamon si trova praticamente al centro della necropoli ed è rimasta a lungo nascosta dai materiali di scavo della grande tomba di Ramsete VI a pochi metri di distanza. Di fronte l'uno all'altro vi sono inoltre gli ipogei di Merenptha, che ha una camera con pilastri dove è raffigurato il Faraone circondato dagli Dei, e di Sethi I. Accanto alla “Valle dei Re”, si trova anche la “Valle delle Regine”, con le sepolture di sovrane e principi della XIX e XX Dinastia. Estinta la XX Dinastia, la “Valle” venne abbandonata e le uniche tracce successive sono costituite dalle sepolture di alcune sacerdotesse nel X sec. a.C.. Questi cunicoli, scavati nella parete rocciosa, vennero poi riutilizzati da eremiti cristiani all'inizio della nostra era. Giovanni Battista Belzoni (1778 - 1823) è uno dei primi ad avventurarsi in questa “Valle”, ormai infestata dai predoni, dove nel 1817 scopre la tomba di Sethi I. Da allora le ricerche si sono intensificate: qui opera Karl Lepsius, Gaston Maspero e, in seguito, Theodore Davis, che proprio dagli scavi nella “Valle dei Re” recupera diversi oggetti che recano il nome di Tutankhamon. Quando ormai si pensava di conoscere ogni palmo di quella “Valle”, Carter e Carnarvon decisero di inseguire il loro sogno: trovare nella “Valle dei Re” la tomba di Tutankhamon.