La via della seta: storia degli scambi commerciali tra Europa e Cina

Appunto inviato da eleonora84
/5

Via della seta: storia dell'antica pista carovanica che stabilì e mantenne per 2.000 anni gli scambi commerciali tra l'Europa e la Cina (1 pagine formato doc)

VIA DELLA SETA: STORIA

La vita della seta: era così chiamata l'antica pista carovanica che stabilì e mantenne per 2.000 anni gli scambi commerciali tra Oriente ed Occidente.

La principale merce di scambio era ovviamente la seta, un bene di lusso di cui la Cina conservò a lungo il monopolio. Dalle sponde del Mediterraneo, presso Tiro, la pista si dirigeva verso il cuore della Cina passando per l'Afghanistan.
Nel Pamir, in un luogo detto «Torre di Pietra», oggi Tax Horgan, si incontravano i mercanti per barattare le merci dei rispettivi Paesi di origine.

Breve ricerca sulla seta


ANTICA VIA DELLA SETA

La via della seta, ufficialmente riaperta dopo anni di duri lavori e molte perdite umane a causa delle impervie condizioni territoriali e climatiche, si allunga per 5.000 chilometri, tra Xi'an, antica capitale di 11 dinastie imperiali cinesi, fino al passo del Khunjerab, il valico più alto del mondo, situato a 5.000 metri, che segna il confine tra Cina e Pakistan.  Questa pista commerciale, caduta in disuso quando si scoprì la maggiore convenienza e rapidità delle rotte marine, si snoda attraverso un paesaggio naturale variamente caratterizzato: dai giallastri rilievi costituiti di loess alla polvere del deserto portata dal vento, dalle pietraie e canaloni al deserto, o meglio all'oasi Takla Makan, assediata dal progressivo avanzamento della grande estensione di sabbia.

Ricerca sulla lavorazione della seta


PERCORSO VIA DELLA SETA: SCAMBI COMMERCIALI EUROPA CINA

Qui pittori e scultori hanno lasciato testimonianze di inestimabile valore artistico: dal 366 d.C. al 1300 migliaia di monaci buddhisti hanno intagliato ed affrescato ben 492 grotte. Vi si possono ammirare statue di dieci metri d'altezza e dipinti che ripercorrono la storia imperiale. In una di queste grotte sono stati rinvenuti 60.000 rotoli di pergamena, scritti da monaci in varie lingue asiatiche trattanti di storia, filosofia, medicina, religione, fisica, geografia, agricoltura e meteorologia. La pista passa anche per le città morte di Gaochang e Jiaohe, decadute e poi abbandonate nel XIV secolo, quando i commerci presero la via del mare.