"Le vie della modernità" di Musi

Appunto inviato da crisspisa
/5

Appunti tratti dal saggio di storia sull'età moderna, con suddivisione in paragrafi e capitoli (67 pagine formato doc)

Dalla scoperta alla conquista: la prima divisione del mondo


Mondo nuovo


Il 1492 segna una svolta epocale.
La scoperta dell'America è qualcosa che sconvolge l'immaginario collettivo.

L'economia:

  • evolve dalla dimensione esclusivamente europea a quella planetaria e il traffico commerciale si sposta dal Mediterraneo all'Atlantico:
  • nuovi prodotti agricoli, quali pomodoro, cacao, patata, tabacco; affluenza di argento e oro da Messico e Perù, una delle principali cause dell'inflazione e della rivoluzione dei prezzi.
  • gli schiavi vengono trasportati dall'Africa alle colonie americane e i prodotti del loro lavoro finiscono nei mercati olandesi e inglesi.
  • le colonie americane svolgeranno un ruolo fondamentale nello sviluppo dell'Inghilterra del 1700, nella direzione che porta alla rivoluzione industriale.
A seguito della scoperta dell'America:

  • La visione del mondo medievale viene scossa dalla constatazione che esistono popoli e territori estranee all'ambito biblico;
  • Si ingenera una forte concorrenza fra gli Stati (soprattutto spagnoli, portoghesi, inglesi, francesi e olandesi) per il predominio sulle nuove terre;
  • La storia acquista più spiccatamente una dimensione eurocentrica, essendo evidente il primato dell'espansionismo europeo.
Tutto ciò ebbe comunque degli alti costi: gran parte della popolazione india fu sterminata, furono sconvolte le organizzazioni sociali, si giunse a considerevoli crolli demografici (il Messico da 20 milioni passò a 2 milioni), gli europei esportarono epidemie, malattie virali.

Tuttavia, sebbene gli europei tendevano ad assorbire le culture indigene, essi cercarono di adattare gli schemi organizzativi della madrepatria alle nuove situazioni.

3 continenti furono investiti dal ciclo espansionistico, originato dalla conquista dell'America: America, ma anche Asia e Africa.