Le scale neuro comportamentali

Appunto inviato da martinabriguglio
/5

Appunti sugli strumenti (in questo caso le scale neuro comportamentali) utilizzati per la valutazione del bambino (3 pagine formato doc)

Strumenti per la valutazione del neonato
SCALE NEURO-COMPORTAMENTALI
Le ricerche sulle capacità percettive hanno dimostrato che fin dalla nascita il bambino è in grado di scriminare stimoli diversi, di preferirne alcuni ad altri e di emettere risposte differenziate a stimoli differenti.
Fino agli anni ‘60 invece il neonato veniva considerato come un recettore passivo. Il cambiamento di prospettiva teorica ha portato alla costruzione di alcune scale capaci di valutare l’intero assetto neuro-comportamentale del neonato (integrità neurologica, componenti sensoriali, motorie, cognitive e relazionali).


NEONATAL BEHAVIORAL ASSESSMENT SCALE (NBAS). Strumento nato a inizi anni ‘60 grazie al pediatra Brazelton che ideò una scala di valutazione neonatale che consentiva una descrizione dell’intera gamma del comportamento neonatale, comprese le competenze e le risorse, così come le difficoltà e le deviazioni dalla norma (è infatti lo strumento più utilizzato sia in ambito clinico che di ricerca forse perché è la più completa).
Scala ideata per essere somministrata a bambini nati dopo una gravidanza di 36-44 settimane fino al compimento di 1 mese. Si basa sull’osservazione del comportamento spontaneo e di quello in risposta a stimolazioni da parte dello sperimentatore. Valuta la capacità del neonato di adattarsi all’ambiente extra-uterino.