I vincoli della pianificazione urbanistica

Appunto inviato da pazzagiuli
/5

Sintesi sui vincoli, con distinzione tra i vari tipi (3 pagine formato doc)

Il vincolo è una speciale limitazione alla quale sono sottoposti determinati beni, mobili o immobili, di proprietà pubblica o privata, a causa della loro rilevanza per il pubblico interesse.
Tipi di vincoli Vincoli da leggi specifiche, cioè non di carattere urbanistico. Esempio: - Vincoli sulla tutela dei beni culturali e ambientali; - Vincoli di rispetto; - Vincolo idrogeologico; - Vincoli di protezione dalle esposizioni a campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici; - Vincoli di classificazione acustica e d abbattimento del rumore. Vincoli imposti dagli strumenti urbanistici: - I vincoli di carattere urbanistico quali per esempio il valore superiore al minimo di legge dello standard riguardante un dato servizio; - I vincoli di carattere edilizio quali per esempio il distacco minimo dai confini e l’altezza  massima dei fabbricati.
I vincoli urbanistici derivano dalla: zonizzazione del territorio, la destinazione d’uso degli immobili, i tipi d’intervento, gli standard per il dimensionamento dei servizi, il riconoscimento dei Beni Culturali. I vincoli edilizi: intervengono nei confronti della proprietà privata e pubblica.Scopo dei vincoli edilizi è quello di evitare che gli interventi di conservazione, trasformazione e costruzione danneggino anziché migliorare l’ambiente esistente. Essi riguardano:
Indici di utilizzazione delle superfici e dei volumi, quali: - Il rapporto di copertura; - La densità fondiaria; - La densità territoriale; - L’indice volumetrico abitativo. Distanze e altezze dei fabbricati: - Il distacco dei confini di proprietà; - La distanza fra i fabbricati (confrontanza); - L’altezza massima dei fabbricati. Allineamenti e arretramenti stradali;
Dotazione di spazi per il parcheggio privato e verde privato. Rapporto di copertura (Rc) = Sc/Sf È il rapporto tra la superficie coperta e la superficie fondiaria (lotto) e rappresenta uno dei parametri che vincolano l’edificazione. Si esprime in una frazione oppure in percentuale. La sup. coperta è la proiezione orizzontale del fabbricato comprendendo balconi, grondaie ecc se sporgono più di m 1.5. Densità fondiaria di cubatura (Dfc) = V/Sf È il rapporto tra il volume del fabbricato e la superficie fondiaria del lotto. Per volume si intende il fabbricato emergente dal lotto fino all’intradosso del solaio di copertura, non si calcola nel volume i porticati e sottotetti non abitabile. Densità fondiaria di superficie (Dfs) = Slp/Sf È il rapporto fra la superficie utile lorda di un fabbricato e la superficie fondiaria del lotto. Per sup. lorda di pavimento si intende la sommatoria delle superfici di pavimento di tutti i locali fuori terra, comprese le sup. occupate dalle murature che delimitano detti locali e quelle occupate dai collegamenti verticali (scale e ascensori). Densità territoriale edilizia (Dt) = Vm/St È rappresentata dal rapporto fra l’insieme dei volumi dei fabbricati e la sup. di una determinata porzione di territorio. Sono esclusi gli edifici pubblici.