Tecnologia delle costruzioni:l'argilla

Appunto inviato da tally
/5

L'argilla-l'argilla espansa-ciclo di lavorazione dei prodotti ceramici(formato word 1 pag.) (0 pagine formato doc)

L'ARGILLA L'ARGILLA La materia prima fondamentale di tutti i prodotti ceramici è l'argilla.
Essa viene prelevata da cave superficiali o di scarsa profondità per mezzo di macchine per il movimento di terra (come pale meccaniche, escavatori). È una roccia sedimentaria ottenuta dalla disgregazione di rocce eruttive con presenza di impurità. Il componente fondamentale dell'argilla è il caolino (silicato di alluminio) presente in modo prevalente in alcune argille, e viene impiegato nelle ceramiche più pregiate (porcellane). Le impurità presenti nell'argilla sono costituite essenzialmente da ossidi ferrosi che determinano il colore rossastro assunto dai laterizi dopo la cottura e da sabbie, che riducono la plasticità degli impasti. La caratteristica fondamentale dell'argilla è la plasticità, cioè l'attitudine ad essere modellata in modo da conservare la forma conferita fino al momento della cottura.
La plasticità è direttamente proporzionale alla quantità di acqua assorbita dall'argilla (le % di assorbimento varia fino ad un massimo del 28% per le argille ad alta plasticità). Se da un lato, la plasticità favorisce la lavorabilità dell'impasto, dall'altro influisce negativamente sulla stabilità funzionale, in fase di essiccamento e di cottura, dando luogo al cosiddetto ritiro. Per limitare tale fenomeno si ricorre all'impiego di particolari additivi, detti smarranti, che sono sabbie silicee o polveri di laterizio macinato che vengono aggiunti all'impasto. DERIVANTI DELL'ARGILLA:L'ARGILLA ESPANSA L'argilla, oltre che per la fabbricazione dei prodotti ceramici si presta, opportunamente lavorata, ad altri impieghi, sottoforma di argilla espansa, la più nota delle quali messe a commercio è LECA. Essa è ottenuta mescolando l'argilla con additivi che, cotta ad una temperatura di circa 1100° C , si espande in forma di granuli, acquistando così notevole leggerezza, buone proprietà termiche e ottima resistenza al fuoco. Essa viene impiegata per: il confezionamento di calcestruzzi leggeri; la produzione dei blocchi per pareti; la realizzazione di strati termoisolanti di coperture e sottofondi di pavimentazione. CICLO DI FABBRIFICAZIONEDEI PRODOTTI CERAMICI Abbiamo detto che l'argilla è il componente essenziale dei componenti ceramici, questa opportunamente miscelata e preparata, viene lavorata secondo i cicli di fabbricazione diversi in funzione dei prodotti ceramici da realizzare. I cicli di fabbricazione possono essere: per estrusione (per tutti i tipi di mattoni, blocchi, tavelle e tavelloni, tegole; quest'ultime in particolare dopo l'estrusione possono essere sottoposte anche a pressature); per pressature (per piastrelle e tegole); per colaggio (per apparecchiature igieniche sanitarie).