La corrente elettrica: spiegazione semplice

Appunto inviato da fri22
/5

Spiegazione semplice della corrente elettrica: l'intensità di corrente, quando si dice corrente continua, circuito elettrico e l'unità di misura (3 pagine formato doc)

CORRENTE ELETTRICA: SPIEGAZIONE SEMPLICE

Fisica - La Corrente Elettrica.

Lo sviluppo tecnologico è dovuto in gran parte al fenomeno dell’elettricità, dal quale deriva la corrente elettrica che permette il funzionamento di molti dispositivi.
La corrente elettrica è un moto ordinato di cariche elettriche. Le cariche elettriche possono essere positive e negative.
Due cariche identiche si respingono mentre due cariche opposte si attraggono. Le carica positiva e negativa è data dalla presenza o dall’assenza di elettroni, in quanto l’atomo è di norma neutro. Per la Legge di Coulomb il valore della forza elettrica tra due corpi carichi è direttamente proporzionale a ciascuna carica e inversamente proporzionale al quadrato della loro distanza. Quindi in un campo elettrico, generato da una o piu cariche, agiscono delle forze che sono descritte dalle linee del campo elettrico. Le linee del campo escono dalle cariche positive ed entrano in quelle negative, hanno una densità direttamente proporzionale all’intensità del campo e sono sempre tangenti al campo elettrico.

Corrente elettrica e leggi di Ohm: spiegazione

DIFFERENZA DI POTENZIALE

La differenza di potenziale è data dal quoziente tra il lavoro che le forze del campo compiono per spostare la carica da a a b e la carica stessa. Grazie alla differenza di potenziale, le cariche si spostano da dove il potenziale è più alto a dove è più basso se sono positive e viceversa se sono negative. L’intensità di corrente è il rapporto tra la quantità di carica che attraversa un conduttore e l’intervallo di tempo impiegato per attraversarlo. L’intensità di corrente si misura in Ampere (A). 1A= 1C/1s La bsi dice continua quando la sua intensità non cambia nel tempo.

TENSIONE ELETTRICA

Questo è il caso della pila, che fornisce sempre la stessa intensità di corrente, a differenza della corrente alternata, quella delle generiche prese elettriche, che fa oscillare le cariche avanti e indietro una cinquantina di volte al secondo. Per rendere una corrente qualsiasi continua si utilizza il generatore di tensione continua, un dispositivo capace di mantenere ai suoi capi una differenza di potenziale costante. La corrente fluisce in un circuito elettrico, che per convenzione è definito come un insieme di conduttori collegati in modo continuo e collegati ad un generatore. Se la catena dei conduttori è interrotta il circuito è aperto e non avrà corrente, se il circuito è chiuso, quindi se la catena dei conduttori non è interrotta, ci sarà corrente. I circuiti possono essere collegati in serie se i conduttori sono posti in successione tra di loro. In questi conduttori passa la stessa corrente elettrica.

CIRCUITO ELETTRICO

Il collegamento in parallelo prevede che siano solo prime e le seconde estremità collegate tra di loro per fare in modo di sottoporre i conduttori alla stessa differenza di potenziale. In questo modo sarà possibile utilizzare un conduttore senza far passare obbligatoriamente corrente dagli altri conduttori. Un esempio classico è il circuito elettrico casalingo che grazie alla costruzione in parallelo permette l’utilizzo di più elettrodomestici in modo indipendente.