Appunti di AutoCAD

Appunto inviato da onicrom
/5

appunti di AUTOCAD della 2° liceo (8 pagine formato doc)

APPUNTI DI AUTOCAD

Laboratorio di cad.

Appunti. Il modello che useremo, da aprire prima dell’inizio della sessione di lavoro, durante quest’anno è ACADISO.DWT
Alcuni comandi che ci potranno essere utili e che riprenderemo in seguito:
comando  “TRIM”         : per tagliare  
comando  “CIRCLE”    : per disegnare un cerchio
comando  “LINE”            : per disegnare un segmento
comando  “SPLINE”     : per disegnare una linea curva
il metodo di disegno con il CAD è subentrato ormai da tempo come tecnologia di supporto per il disegno tecnico di progettazione in moltissimo ambiti (arredamento, modulistica, ed è utilizzato per la progettazione di strade, ponti, viadotti, impianti elettrici e idraulici, architettura generale, costruzioni aeronautiche, impianti chimici, ecc…).

Esercitazione di AutoCAD


APPUNTI AUTOCAD 2012

In commercio sono disponibili svariati software prodotti da varie aziende; si riconducono tutti ormai ad analoghi protocolli di lavoro.
Il disegno in CAD viene eseguito usando il sistema di riferimento degli assi cartesiani (X;Y;Z). tutti i software CAD (tranne quelli appositamente ridotti) consentono ormai il disegno in 3 dimensioni.

Noi lavoreremo quest’anno, come primo approccio, in ambito bidimensionale, operando quindi sul pinao cartesiano (X;Y). Useremo il software AUTOCAD, prodotto dalla AUTODESK.
METODO DI LAVORO
Impareremo i comandi in inglese perché con questo accorgimento potremo cavarcela in moltissime situazioni.
In ogni versione il software è commercializzato sia in lingua locale che in inglese (a scelta dell’acquirente). Il software venduto in italiano accetta sia i comandi in italino che in inglese; il comando in inglese deve essere preceduto dal byte UNDERSCORE.
Una cosa analoga avviene per i software venduti in altri paesi. Ciascuno di essi funziona sia in lingua locale che in inglese.

AutoCAD: appunti universitari


APPUNTI DI AUTOCAD GRATIS

Avvio del programma. Molte applicazioni nel momento in cui vengono eseguite (“lanciate”), leggono le informazioni, prima di presentarle all’utente, che sono in un file modello/prototipo. Il modello contiene le informazioni relative all’aspetto in cui l’applicazione si presenta all’utente.
Anche AUTOCAD prevede l’uso di un modello che l’utente potrà e dovrà scegliere. Molti modelli sono già forniti dall’azienda produttrice del software; sceglieremo opportunamente fra quelli disponibili. È possibile creare dei modelli personalizzati che contengono elementi a noi utili in quella specifica sessione di lavoro.