La concezione dello spazio nel mondo moderno

Appunto inviato da maruzza33
/5

Analisi sul concetto di spazio secondo i trattatisti e i grandi teorici del mondo moderno (6 pagine formato doc)

Ci occupiamo di un periodo centrale, perché è l’ultimo in cui la cultura architettonica ha ancora un approccio sintetico complessivo, organico, verso le arti in generale e l’architettura in particolare.
Per spiegare il concetto di rapporto organico è necessario tener presente la definizione di concinnitas, data da L.B.Alberti, nulla può essere aggiunto o tolto ad un’opera senza che ne venga turbata la sua perfezione formale. Il mondo organico è quindi un qualcosa che prevede una relazione tra le parti appunto organiche, non meccaniche, dove le cose non si aggiungono in serie ma, sottraendo o aggiungendo, si cambia questo equilibrio. Questo periodo straordinario va dal XV al XVIII secolo, nasce con l’invenzione della prospettiva brunelleschiana.
Tutto il discorso teorico, che avviene in questi 4 secoli, ha un suo punto di riferimento: Vitruvio. Quello di Vitruvio è l’unico trattato che ci è pervenuto dall’antichità e noi assistiamo ad una reinterpretazione di Vitruvio da parte delle nuove generazioni. Assistiamo quindi ad un rifiorire di trattati teorici, quali poi non ci saranno più dal 1800 in poi.