Chimica:dispensa per le professioni sanitarie

Appunto inviato da christianstothelions Voto 8

La chimica necessaria per sostenere l'esame di Chimica e Biochimica per le professioni sanitarie (19 pagine formato doc)

La Chimica APPUNTI DI CHIMICA PER LE PROFESSIONI SANITARIE La Chimica La Chimica studia la struttura, la composizione le proprietà della materia, le sue trasformazioni e le leggi che le governano.
La Chimica si divide in: chimica generale: studia la struttura dell'atomo e del legame chimico; chimica inorganica: studia sistematicamente tutti gli elementi chimici; chimica organica: è la chimica dei derivati del carbonio; chimica analitica: studia i metodi per individuare i singoli componenti di una miscela o di un composto e per determinarne le relative quantità; chimica-fisica: studia da un punto di vista fisico alcuni aspetti della chimica generale quali la atomistica, termochimica, radioattività…. La materia La materia: tutto ciò che ha massa e dimensioni (discontinuità nello spazio) ed è soggetto alla forza di gravità.
E' energia in forma di riposo. La massa di un frammento di materia rappresenta una misura della sua inerzia, cioè della sua resistenza a essere messo in moto se è fermo, o ad essere arrestato se è in moto. Struttura della materia: sostanza pura: qualità di materia composta da molecole tutte uguali tra loro (es. H2O) elemento: sostanza pura composta da molecole contenenti atomi tutti uguali tra loro (es. O2) molecola: la più piccola parte di sostanza pura che conserva ancora tutte le proprietà chimiche della sostanza stessa atomo: chimicamente indivisibile; costituente della molecola; è la più piccola particella ancora suscettibile di trasformazioni chimiche che si può ottenere per mezzo di processi chimici. Materia e energia Energia è capacità di produrre lavoro. La materia deve essere considerata come uno stato di riposo dell'energia: materia e energia sono quindi aspetti diversi di una stessa entità fisica. Ogni sistema materiale in equilibrio instabile ha la possibilità teorica di trasformare in energia una parte della sua massa, secondo l'equazione: ?E = ?mc2 e di raggiungere così un equilibrio più stabile, corrispondente ad un minore contenuto energetico. Ogni sistema materiale tende infatti ad un contenuto minimo di energia potenziale. Una reazione tra A e B accade perché A e B portano energia al sistema, energia che deve essere liberata perché il sistema divenga stabile (= a minimo contenuto energetico potenziale): A + B ? C + D + energia Nelle comuni reazioni chimiche, l'energia che si sviluppa corrisponde a differenze di massa estremamente piccole, tanto da essere in pratica trascurabili: è sempre però rigorosamente valida la legge della conservazione della massa-energia. Struttura dell'atomo. L'atomo è la più piccola particella di materia che si possa ottenere per mezzo di un processo chimico (chimicamente indivisibile). Le particelle che lo compongono, se isolate, non hanno la possibilità di esistenza indipendente. Al centro dell'atomo c'è il nucleo (109 volte più piccolo del diametro dell'atomo!). Il nucleo è formato da due tipi di particelle (nucleoni): i protoni (carica positiva) ed i neutroni (nessuna caric