Estetica del viso: il trattamento

Appunto inviato da pulcettadetato
/5

classificazione della pelle, pulizia del viso, Attivazione selettiva della muscolatura sottocutanea, L'ambiente di lavoro e le fasi del trattamento, analisi della pelle, couperose (5 pagine formato doc)

Estetica del viso: il trattamento - Il viso.

Classificazione della pelle. Pelle normale: si presenta vellutata, sottile, compatta, morbida, luminosa, di colorito roseo e fresco, senza comedoni. Questo è il risultato di un giusto equilibrio di sostanze grasse ed acqua, di una perfetta circolazione sanguigna e di un rinnovo cellulare costate, quindi gli osti follicolari (pori) sono appena visibili. Si ha una perfetta idratazione, un’ottima circolazione basale, uno strato adiposo non troppo sottile e nemmeno troppo spesso ed una rete muscolare che le garantisce una buona stabilità. Per mantenere questa perfezione la pelle ha bisogno di cure costanti, adeguate all’età ed alle stagioni, quindi il trattamento mirerà al mantenimento.

Leggi anche Appunti di estetica

- Trattamento: si usano prodotti idratanti nutrienti.
Il trattamento va fatto ogni 2-3 mesi. È una pelle che ha bisogno di cure secondo l’età e la stagione.

Pelle mista: dal punto di vista dermatologico, “pelle mista” è un termine improprio. È la più comune e si caratterizza da zone centrali più grasse, spesso con comedoni, rispetto alle laterali che invece possono essere arrossate o secche. Questo cambiamento è dovuto a fattori endocrini, nel periodo in cui gli ormoni sessuali sono un una fase di iperattività. Le zone laterali del viso, dove il numero delle ghiandole sebacee è minore (guance, contorni del viso, zone perioculari) si presentano secche e disidratate. La disidratazione aumenta nel periodo mestruale.
- Trattamento: non ha bisogno di particolari trattamenti. Si usano prodotti idratanti tranne che nelle zone centrali, dove verranno applicati prodotti sebonormalizzanti.

Leggi anche L'educazione estetica dell'uomo

Pelle grassa: si presenta untuosa e con pori dilatati e comedoni, quindi grassa per un aumento di lipidi dovuto ad una ipersecrezione delle ghiandole sebacee e spessa al tatto. Si divide in:
-    Seborrea oleosa: la pelle è caratterizzata da uno strato lucido, untuoso, di colorito giallastro con osti follicolari dilatati. Il sebo incorpora le cellule cornee di sfaldamento e trattiene le impurità ed i batteri, con formazione di comedoni (punti neri) ed infiammazioni come l’acne.
-    Seborrea secca: è una forma di secrezione sebacea più densa ed il sebo, insieme alle cellule cornee, forma uno strato opaco, asciutto, che impedisce alla pelle di respirare. Questa condizione è determinata da fattori esogeni (esterni), come l’uso di lozioni troppo astringenti o da cause endogene (interne), come alterazioni ormonali e disturbi della digestione. Deve essere trattata con prodotti emolienti e calmanti.
- Trattamento: è necessaria una pulizia profonda e si useranno prodotti purificanti e seboregolatori. La pulizia verrà effettuata ogni 15-20 giorni per la regolarizzazione. I principi attivi sono: arancio (vitamina C), argilla, betulla, canfora, cannella, cipresso, amamelis (lenitivo), lievito di birra, limone, menta, propoli, rosmarino, salvia, timo, vitamina B.

Leggi anche L'estetica secondo Pareyson