Istituzioni di diritto romano

Appunto inviato da doravuolo92
/5

Riassunto sulle istituzioni di diritto romano. (97 pagine formato docx)

Le tre età del diritto romano:
753 a.C.
- 242 a.C.:ETA' ARCAICA, che va dalla fondazione di Roma alla fondazione della figura del pretore peregrino.
242 a.C. - 235 d.C.:ETA' CLASSICA, che va dalla fondazione della figura del pretore peregrino alla morte di Alessandro Severo. Segue il periodo dell'anarchia militare.
235 d.c. - 565 d.c.:ETA' POST-CLASSICA, che va dalla morte di Alessandro Severo alla morte di Giustiniano.

APPUNTI DI STORIA DEL DIRITTO ROMANO (Clicca qui >>)


La radice della parola ius, che corrisponde al termine odierno "diritto",è sicuramente indoeuropea. Il diritto antico era permeato di elementi religiosi e morali.
L'obbligatorietà della norma era collegata alla sua provenienza divina, com'è dimostrato dall'antico monopolio dei pontefici circa la conoscenza e l'interpretazione del diritto. In epoca storica il diritto fu separato dalla religione, per quanto taluni atti giuridici conservassero il loro carattere religioso (ad es. confarreatio, stipulatio, giuramento).

DIRITTO ROMANO PRECLASSICO: LA REPUBBLICA NAZIONALE ROMANA (Clicca qui >>)


Questo fenomeno (umanizzazione del diritto) fu seguito dall'estensione della conoscenza e dell'interpretazione delle regole giuridiche ai laici.
L'insieme delle norme del diritto privato romano prende il nome di IUS CIVILE (diritto dei "cives", dei cittadini). Il ius civile è costituito da norme che si applicano esclusivamente ai cittadini romani. Il diritto usato fra romani e stranieri prevede istituti nati dalla prassi internazionale (almeno per quanto riguarda il campo commerciale).

STORIA CRONOLOGICA DEL DIRITTO ROMANO (Clicca qui >>)


Questo diritto è detto IUS GENTIUM (diritto "delle genti"). Dopo l'istituzione del pretore peregrino (242 a. c.) venne creato da quest'ultimo un nuovo sistema di norme: il IUS HONORARIUM. Queste norme vennero create per regolare i rapporti giuridici nell'ambito del diritto romano fra romani e stranieri. Il ius honorarium prende a modello il ius gentium.