Durkheim e la divisione del lavoro sociale

Appunto inviato da lafefy
/5

Descrizione del diritto di punire secondo Durkheim a partire dal libro "La divisione del lavoro sociale" (7 pagine formato doc)

Durkheim è un autore del ventesimo secolo, definito padre della sociologia, che è la scienza della morale: i problemi sociali sono infatti studiati scientificamente (statistica); nel 1896 fonda la rivista "L'armata sociologica", con altri studiosi.

Nel 1917 invece muore per depressione, in seguito all'avvento della guerra e della morte del figlio. È di origini ebraiche, avrebbe dovuto diventare un rabbino, tuttavia vive la sua vita da agnostico, nonostante attribuisca alla religione un ruolo fondamentale nella sua vita.

Lo si può definire come un esponente della classe radicale, ma non socialista: ha come nemici sia i cattolici che i comunisti, secondo lui i valori dell'individuo sono i più importanti (contrario della lotta di classe).

Durkheim è importante perché propone un superamento della riflessione politica e morale kantiana: l'imperativo categorico è una deduzione della mente, non uno studio della società, dice quello che uno deve fare. È come se Kant imponesse un modello alla realtà, mentre per Durkheim la scienza si deve costruire guardando le cose (è un positivista).
Il sociologo si differenzia dallo psicologo in quanto non osserva l'interiorità dell'uomo, le psiché non sono oggetti del suo studio: non studia il come, ma il quanto.

Tre sono le principali conseguenze di un approccio scientifico:
I.    Non c'è una società che merita lo studio più di un'altra: promozione di studi antropologici e etnografici
II.    Le verità di una società sono relative, ogni società ha le proprie leggi per lei giuste, quindi non esistono leggi assolute
III.    Nessuna pratica sociale dura nel tempo se non ha una funzione (es funzione evolutiva dei baffi dei pesci); può essere che questi meccanismi ci siano come organi residuali, ma che in passato hanno avuto comunque una funzione.

Il terzo punto è il conservatorismo, non ha come scopo quello di creare nuove società, guarda solo le cose come stanno, può al massimo indicare le tendenze migliorative latenti all'interno di una società: è l'unico modo per prendere una posizione riguardo gli oggetti del proprio studio..