L'Italia tra Ottocento e Novecento, riassunto

Appunto inviato da jessicascorpioncina
/5

Anni post-unitari, Prima Guerra Mondiale, La crisi dello Stato liberale, Il Movimento Fascista, La fase liberista, Quota 90, La politica sociale e agraria, La Grande Crisi del '29, Guerra ed Economia, La Seconda Guerra Mondiale e il collasso dello Stato Fascista. Riassunto della storia d'Italia, tra l'800 e il 900 (4 pagine formato doc)

ITALIA TRA OTTOCENTO E NOVECENTO, RIASSUNTO

L'economia fascista.

1) Gli anni post – unitari.
Nel 1861 l'Italia presenta un economia arretrata, è uno Stato che arriva tardi al processo di unificazione e il caso italiano è comparabile a quello tedesco, anche se in Germania il processo economico inizia prima dell'unificazione. Dal 1861 al 1876 l'Italia fu governata dalla Destra Storica, che cercò di risolvere il problema dell'arretratezza e del deficit (tramite una politica liberista, la ricerca del pareggio di bilancio introducendo imposte come la tassa sul macinato del 1868). L'Italia dell'epoca era uno Stato che vede concentrato il suo settore industriale nel nord (energia idraulica).
Le poche industrie esistenti erano manifatture tessili al momento dell'unificazione, infatti, il reparto siderurgico è inesistente. L'Italia non disponeva del carbone e ciò non gli permise per un diverso periodo lo sviluppo del sud, dove non era possibile trasportare energia idraulica.

Storia d'Italia tra l'Ottocento e il Novecento: riassunto


TRA OTTOCENTO E NOVECENTO STORIA

La realtà migliore dal punto di vista economico era quella piemontese, che era l'unico stato che aveva attuato politiche economiche tese allo sviluppo. Si tratta di politiche economiche liberiste, di politiche d'investimento in infrastrutture, dell'evoluzione del sistema bancario, dello sviluppo del settore tessile e dell'inizio dello sviluppo del siderurgico. Inoltre vi sono vie di comunicazione adeguate e un'agricoltura particolarmente sviluppata. Tra Piemonte, Liguria e parte del Lombardo – Veneto si svilupperà il triangolo industriale che sta alla base del dualismo economico italiano: centro nord sviluppato e sud arretrato. L'unificazione politica, economica e amministrativa che è sostanzialmente una piemontesizzazione dell'intero stato è un processo difficile, poiché si è dovuto omogeneizzare l'Italia.

Ottocento e Novecento: riassunto di storia e letteratura italiana


CONTESTO STORICO FINE 800 INIZIO 900

Fu esteso all'Italia ciò che apparteneva al Piemonte (per quando riguarda l'appartato amministrativo fu assunto il modello francese, per il resto si applicò il modello piemontese). Era necessario, però, costruire una nazione tramite una politica economica in grado di unificare lo stato rendendolo simile alle varie aree. Infatti, furono approvate una serie di riforme:
- abolizione delle barriere protezionistiche, sia interne che esterne e l'Italia fu così esposta alla concorrenza estera;
- liquidazione dell'asse ecclesiastico, in questo modo i beni della Chiesa sono utilizzati per sanare il deficit pubblico e ciò provocò il ritorno delle terre nelle mani dei ricchi latifondisti alimentando un processo di arretratezza;
- creazione di infrastrutture per finanziare un processo di integrazione economica, ma c'era il problema del deficit e della grande arretratezza, la destra storia aumenta la pressione fiscale e solo dopo 15 – 20 anni le infrastrutture sono cresciute.

L'Italia tra la fine dell'800 e l'inizio del 900: economia e società


L'ITALIA DEL 900: RIASSUNTO

L'Italia del 1870 presenta molti vincoli: mercato ristretto, sistema bancario  non adeguato, problema del basso livello di accumulazione di capitale, livello di istruzione arretrato, scarsa offerta di capitale umano. In questi anni si definisce la forte presenza dello stato in economia. Il rapporto tra strato e grande, piccola industria è penalizzata.
La Destra Storica scongiurò il fallimento economico e diede credibilità internazionale all'Italia, ma la sua politica ebbe grossi limiti, nonostante pose le basi per lo sviluppo dell'accumulo di risorse e capitali, ma non aveva compreso l'esigenza di politiche economiche che proteggessero lo sviluppo delle industrie poiché è incappata nel liberismo di Cavour. La Destra Storia era sempre più divisa al suo interno e le nuove elezioni furono vinte dall Sinistra Storica.