Storia Moderna

Appunto inviato da lorenzostravolo
/5

Dispensa del libro di Paolo Prodi (2 pagine formato doc)

Il manuale, secondo lo storico Paolo Prodi, deve essere quella fonte utilizzabile solo per conoscere nozioni (altrimenti è meglio distruggerlo!).
La storia, intesa come disciplina, non studia genericamente il passato, ma il passato che è in noi in funzione dell’oggi. Per Gustav Droysen, lo storico è lo scienziato della società, mentre il politico è soltanto uno storico pratico. Lo stesso Droysen afferma che la storia non ha senso proprio per questa funzione definita da Prodi, in quanto sostegno della politica.

La concezione della storia>>

Successivamente nei vari manuali sono state stabilite nuove definizioni. Verso la fine del ‘800, si indica la storia come scienza dello sviluppo dell’uomo e nella sua attività come essere sociale.
La storia ha conservato una sua identità, in un primissimo tempo, poi in seguito si è allargata nei vari campi dello scibile umano, grazie alle scienze ausiliarie che oggi ricoprono un ruolo autonomo.

Metodi di studio degli eventi storici>>


Lo sguardo dello storico: il tempo e lo spazio
Lo sguardo dello storico consiste nel visitare città, campagne, biblioteche, insomma luoghi dove si è fatta e dove vive la storia. Per questo motivo, lo studente dovrebbe seguire l’esempio dello storico ed evitare di sfogliare e studiare polverosi volumi. La conoscenza cronologica è il preliminare per gettare solide basi per lo studio degli eventi storici.